Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La protesta dei rider in piazza a Torino: “Non si può morire per una pizza”

Immagine di copertina
Immagine da video Rai

Torino, protesta dei rider in piazza

I rider in piazza a Torino per protestare contro lo sfruttamento delle aziende di food delivery. La manifestazione si è tenuta oggi, sabato 28 dicembre, nel cuore del capoluogo piemontese, in piazza Castello. “Non si può morire per una pizza” è il messaggio presente su un volantino distribuito dai lavoratori.

La protesta era legata a un fatto di cronaca dei giorni scorsi. Il 19 dicembre, un rider di Glovo, un pakistano di 31 anni, è stato investito da un pirata della strada, che si è costituito dopo alcuni giorni. L’uomo travolto è ora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Giovanni Bosco.

“Siamo qui per lui e per quelli come lui, che lavorano senza sicurezze per racimolare quattro soldi – ha affermato Malik Adnan Sher, referente dell’Associazione Pakistan Piemonte – Sono tanti i nostri connazionali che lavorano come rider. Senza tutele. In bici che piova o che ci sia il sole”. La paga – ha spiegato – è “di pochi euro”, spiegano i manifestanti. “Per pochi euro si rischia la vita, un braccio o una gamba. Chiediamo all’azienda che ci fornisca almeno i minimi dispositivi di sicurezza come il caschetto e il fanale”.

I rider in piazza a Torino erano un centinaio e hanno dato vita ad un rumoroso corteo per le vie del centro. Dopo una sosta davanti al Comune, dove hanno accusato la sindaca Chiara Appendino di non avere “nemmeno espresso solidarietà per il giovane investito”, sono andati in piazza San Carlo e da lì hanno raggiunto il Provveditorato al lavoro. Sono stati diversi gli slogan scanditi dai manifestanti: “Glovo schiavista, sei il primo della lista”, “La morte di un rider non è fatalità, la colpa è dell’azienda che la pagherà”.

Le notizie di cronaca di TPI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Coppia regala il suo cane a un 70enne rimasto solo: lui lo uccide dopo poche ore
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Cronaca / Giarrusso nel Pd, l’ira di Alessandro Gassman: “Non vi voterò mai più”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Coppia regala il suo cane a un 70enne rimasto solo: lui lo uccide dopo poche ore
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Cronaca / Giarrusso nel Pd, l’ira di Alessandro Gassman: “Non vi voterò mai più”
Cronaca / Roma, incendiate 5 auto nella sede Telecom. Scritte: “No al 41bis”
Cronaca / L’amante di Matteo Messina Denaro: “Non sapevo fosse lui, si è presentato con un nome diverso”
Cronaca / Angela Brandi morta per uno shock emorragico polmonare: era stata dimessa dall’ospedale
Cronaca / Alfredo Cospito, a Nordio la decisione sul 41 bis: chiesto il parere ai magistrati antiterrorismo
Cronaca / Alfredo Cospito trasferito nel carcere di Opera. Piantedosi: “È pericoloso”
Cronaca / La cannabis aiuta le donne ad avere orgasmi multipli: la ricerca
Cronaca / “Ignorante, non capisci niente”. Prof denunciata dai genitori per le offese a entrambi i figli