Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Crotone, professore molesta una ragazzina al mare: la Cassazione conferma la condanna

Immagine di copertina

Con la scusa di insegnarle a usare la maschera da sub, le aveva messo le mani addosso. Il tutto davanti alla mamma della studentessa

Crotone, professore molesta una ragazzina al mare

Professore molesta una ragazzina al mare mentre fa il bagno. Confermata oggi, 23 ottobre, dalla Cassazione la condanna a un anno e due mesi di reclusione nei confronti dell’insegnante. È accaduto sulla spiaggia di Crotone, località calabrese dove era andato per fare il commissario d’esame per le prove di maturità. Mentre la quindicenne faceva il bagno in mare, con la scusa di insegnarle a usare la maschera da sub, il professore le aveva messo le mani addosso. Il tutto davanti alla mamma della studentessa.

Senza successo, la difesa del docente, Claudio F. (classe 1952), ha contestato le sentenze conformi emesse in primo grado dal Gup del Tribunale di Crotone nel 2014, e poi dalla Corte di appello di Catanzaro nel 2018.

Il verdetto definitivo di colpevolezza è stato notificato anche al Miur, come amministrazione dalla quale il prof dipende. I legali del prof – avvocati David Brunelli e Gregorio Barba – hanno inoltre contestato anche la costituzione di parte civile della mamma della ragazzina, anche lei sulla spiaggia il giorno della molestia a sfondo sessuale, sostenendo che se il fatto era accaduto voleva dire che lei aveva mancato nel sorvegliare adeguatamente sulla figlia.

Come sono andati i fatti

L’obiezione è stata bocciata dalla Cassazione che ha replicato che “la condotta illecita dell’imputato ha avuto ripercussioni negative sia per l’adolescente, destinataria diretta delle avances del prof, sia per sua madre Giulia C., sebbene in quest’ultimo caso in via mediata, e non appare ravvisabile in capo a quest’ultima un difetto di vigilanza della figlia ostativo al riconoscimento della pretesa risarcitoria”.

Secondo gli ‘ermellini’ – sentenza 43414 – “non si può certo esigere che la madre dalla spiaggia esercitasse un controllo ravvicinato sulla figlia all’epoca quindicenne, anche quando costei era intenta a fare il bagno in mare”.

Inizialmente il prof aveva rivolto dei complimenti all’adolescente e poi le aveva preso a molestarla con violenza anche quando la ragazzina si era divincolata, riuscendo alla fine ad uscire dall’acqua. A confermare il racconto, c’è stato il riscontro di un amico della ragazzina presente ai fatti. Ad avviso degli ‘ermellini’, è escluso che la sedicenne “possa aver equivocato i gesti del prof. Claudio F., non solo perché gli stessi sono stati preceduti da vari apprezzamenti fisici, ma soprattutto perché i toccamenti seppur fugaci sono stati comunque reiterati e invadenti, al punto da spingere la ragazzina a uscire dall’acqua per porre fine a quella situazione”.

All’imputato sono state negate le attenuanti generiche “per la reiterazione degli atti invasivi della altrui libertà sessuale e per la giovane età della vittima”, a fronte del quale nulla conta la sua condizione di incensurato. Gli è stata concessa solo l’attenuante della minor gravità del fatto e la sospensione condizionale della pena.

QUI tutte le notizie di cronaca di TPI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”