Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Processo Cucchi, condannati otto carabinieri per depistaggi

Immagine di copertina

Processo Cucchi: 8 carabinieri condannati per depistaggi

Dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato la condanna per omicidio preterintenzionale di Stefano Cucchi nei confronti dei carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, arriva un altro verdetto nel processo inerente ai depistaggi messi in atto da alcuni membri dell’Arma subito dopo la morte di Cucchi: gli 8 carabinieri imputati, infatti, sono stati tutti condannati con pene che vanno da 1 a 5 anni.

I carabinieri condannati, ai quali si contestava a vario titolo i reati di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia, sono: il generale Alessandro Casarsa, a cui è stata inflitta una pena di 5 anni, Francesco Cavallo, 4 anni, Luciano Soligo, 4 anni, Massimiliano Colombo Labriola, 1 e 9 mesi, Luca De Cianni, 2 e 6 mesi, Francesco Di Sano, 1 e 3 mesi, Tiziano Testarmata, 1 e 9 mesi, Lorenzo Sabatino, 1 e 3 mesi.

La pena più alta, dunque, è stata inflitta al generale Alessandro Casarsa, per il quale il pm aveva chiesto 7 anni, che all’epoca dei fatti ricopriva il ruolo di comandante del Gruppo Roma.

“Oggi è un giorno importante, se non ancora più importante di lunedì: perché un istante dopo la morte di mio fratello si metteva in piedi la macchina dei depistaggi che è costata alla nostra vita anni e anni di processi a vuoto facendo in modo che entrambi i miei genitori si ammalassero gravemente per tutta quella sofferenza inflitta in maniera brutale” aveva dichiarato prima della sentenza Ilaria Cucchi, sorella di Stefano.

“Ogni volta che entravo in questa aula di giustizia, mi trovavo di fronte gli imputati con la loro aria di superiorità, con quel senso di impunità, quasi a farmi capire che mio fratello non contava niente e tanto meno la sua famiglia. Ho fiducia e spero che oggi venga messo un altro punto su tutta questa tristissima vicenda dalla quale usciamo tutti sconfitti. Mi aspetto che gli imputati vengano condannati e che gli venga impedito di fare il proprio lavoro: non hanno mai chiesto scusa, ci guardavano dall’alto al basso come a dire che non contavamo niente”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale