Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Violenta la figlia di 13 anni e la mette incinta

Immagine di copertina

Un 40enne di Modena è stato condannato in primo grado a sei anni, ma ha già annunciato il ricorso in appello

Avrebbe stuprato la figlia di 13 anni mettendola incinta. Un uomo di 40 anni di Modena è stato condannato in primo grado a sei anni con le accuse di violenza sessuale e abuso dei mezzi di correzione. Questo perché, come hanno riferito gli inquirenti, il 40enne oltre ad aver violentato sessualmente la piccola, l’avrebbe picchiata più e più volte con un bastone. Ma non solo: la 13enne veniva praticamente torturata dal padre, alle bastonate si sommavano docce fredde con cui l’uomo puniva la figlia.

Una storia drammatica che risale a tre anni fa, quando il 40enne portò la 13enne in un consultorio per far abortire la figlia. In quell’occasione la ragazzina puntò addossò la responsabilità delle violenze, e quindi della gravidanza indesiderata, al fratello, minorenne.

A prendere in carica il caso era stato a quel punto il tribunale dei minori di Bologna, che, tramite le indagini, è risalito al vero responsabile delle violenze. Agli inquirenti è bastata la prova del Dna sul bambino che la 13enne portava in grembo e quello del fratello per rendersi conto che la ragazzina aveva mentito. Forse costretta dal padre. Le indagini sono proseguite in un’altra direzione e hanno portato alla verità: il Dna corrispondente era quello del padre, 40enne di origini ghanesi.

Condanna a una pena di sei anni e mezzo di carcere, si è conclusa così in primo grado la vicenda processuale del padre quarantenne modenese accusato di aver stuprato e messa incinta la figlioletta di appena 13 anni. L’uomo, che ha potuto beneficiare dello sconto di un terzo della pena grazie al rito abbreviato, era imputato per violenza sessuale e abuso dei mezzi di correzione visto che, secondo gli inquirenti, non solo avrebbe stuprato la figlioletta ma l’avrebbe sottoposta anche a continue violenze fisiche all’interno dell’abitazione di famiglia come ad esempio bastonate e docce fredde.

La ragazzina, insieme alla madre e al fratello, è stata portata in una comunità, lontano dal padre, che intanto continua a professarsi innocente, sia per le violenze che per la gravidanza della figlia. Condannato a sei anni con rito abbreviato, ora farà ricorso in appello.

Leggi anche: “Ha distrutto la mia vita”: stuprata dal papà da quando aveva 6 anni e incinta due volte

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”