Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Padova, la provincia denuncia: “Banchi a rotelle inutilizzati”. Ma a comprarli erano stati loro

Immagine di copertina
Credit: ANSA/MATTEO CORNER

Il vicepresidente Gottardo (FI): "Colpa di Arcuri e Azzolina". Peccato che a comprarli era stato il suo ente

Dovevano servire a garantire il distanziamento tra gli alunni e la riapertura delle scuole in sicurezza, invece giacciono inutilizzati in alcuni magazzini situati in diverse parti d’Italia. È questo il destino di migliaia di banchi a rotelle, che si sono trasformati da strumenti fondamentali di contrasto alla pandemia a monumento allo spreco.

L’episodio più clamoroso è quello che riguarda i 600 banchi a rotelle accatastati in un magazzino in provincia di Padova, ancora avvolti dal cellophane. A raccontare quanto accaduto, pochi giorni fa, è stato un servizio del Tg5,  in cui il vice presidente della Provincia, il forzista Vincenzo Gottardo, puntava il dito contro l’ex commissario all’emergenza Covid Domenico Arcuri e l’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Ma quanto accaduto a Padova, come emerso nei giorni successivi, non è stato provocato da un controverso acquisto da parte della struttura commissariale guidata da Arcuri: a giocare un ruolo è stato infatti anche la stessa provincia di Padova, ovvero l’ente che Gottardo rappresenta. Questa, infatti, ha comprato a sua volta dei banchi dagli stessi fornitori, attraverso fondi europei.

Al danno si è aggiunta quindi la beffa: le sedute sono state acquistate due volte, a testimonianza del caos in cui è precipitata l’amministrazione italiana durante i primi mesi della pandemia.

Ma a cosa è stato dovuto questo doppio acquisto? Dopo la gara indetta lo scorso luglio dalla struttura commissariale per l’acquisto dei banchi a rotelle, ad agosto 2020 gli istituti e i dirigenti scolastici erano chiamati a esprimere l’eventuale fabbisogno. In provincia di Padova, per un totale di 42 istituti, vengono chiesti 3.745 banchi. Le sedute, come riporta Repubblica, vengono consegnate nel Padovano tra settembre e ottobre 2020.

Va diversamente per i 600 banchi che si trovano nei magazzini veneti: la provincia di Padova, infatti, ne aveva comprati in autonomia altri 1.320, per un costo di circa 200mila euro, senza coordinarsi con la struttura commissariale di Arcuri. L’acquisto avviene il 25 settembre 2020, come testimonia questa determinazione dirigenziale, quindi dopo che il fabbisogno delle scuole della provincia era stato ufficializzato.

A chi fossero destinati questi banchi rimasti inutilizzati è ancora da chiarire. “Viene da pensare che se ci sono dei banchi in magazzino è perché qualcuno li ha ordinati quando già c’erano”, ha scritto Francesca Businarolo, deputata veneta del M5S, in un post su Facebook. “Sta a Gottardo, dunque, dare delle risposte e spiegare perché non dovremmo considerarlo un danno erariale”.

Come documentato in un’inchiesta di Repubblica, circa la metà dei 434.444 banchi comprati dall’Italia per 95 milioni di euro giace abbandonata nei depositi delle scuole. Spetterà alla Corte dei conti, a seguito degli esposti presentati, chiarire eventuali responsabilità.

Leggi anche: 1. Scuola, “i banchi monoposto con le rotelle sono inadatti per i bambini con autismo e in sovrappeso”/2. In difesa della ministra Azzolina: le polemiche sui banchi non hanno senso (di Gianluca Daluiso)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il caso della bidella che viaggia da Napoli a Roma: “Altro che pendolare, è in congedo fino a fine agosto”
Cronaca / Lecce, si innamora di un poliziotto conosciuto online ma dopo anni scopre che è una donna
Cronaca / Roma, torna l’incubo del knockout game: donna colpita al volto da uno sconosciuto in strada
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il caso della bidella che viaggia da Napoli a Roma: “Altro che pendolare, è in congedo fino a fine agosto”
Cronaca / Lecce, si innamora di un poliziotto conosciuto online ma dopo anni scopre che è una donna
Cronaca / Roma, torna l’incubo del knockout game: donna colpita al volto da uno sconosciuto in strada
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Roma, cassiere colpito con 29 sassate al volto: arrestati due minori
Cronaca / Adr: lo scalo di Fiumicino ottiene le 5 stelle Skytrax
Cronaca / Bambino di 10 anni violentato dall’animatore: trentenne condannato a 8 anni
Cronaca / Agrigento, segni di maltrattamento su una bimba di sei mesi: genitori accusati di tentato omicidio
Cronaca / I Simpson deportati ad Auschwitz: a Milano i murales di aleXsandro Palombo per la Giornata della Memoria
Cronaca / Spunta un'altra battuta di Fedez su Emanuela Orlandi: "Sta in cielo? Forse fa la pilota"