Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Open Arms, perché il divieto di Salvini è inefficace senza la firma dei ministri Trenta e Toninelli

Immagine di copertina
Foto: Matteo Salvini e la Open Arms

Open Arms, perché il divieto di Salvini è inefficace

Il secondo divieto di ingresso per la nave Open Arms in acque territoriali italiane voluto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini è inefficace senza le firme dei colleghi ministri Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli, titolari rispettivamente di Difesa e Trasporti. L’imbarcazione della ong spagnola Proactiva Open Arms è ferma davanti al porti do Lampedusa con 147 migranti a bordo e il Viminale ha deciso un nuovo stop dopo che il Tar del Lazio ha sospeso il precedente divieto. Ma sia Trenta che Toninelli oggi, giovedì 15 agosto, hanno rifiutato di condividerlo, rendendolo inutile.

Perché il divieto di Salvini alla Open Arms è inutile

La mancata firma dei due ministri M5S ha di fatto reso inefficace il secondo divieto di ingresso perché, in base a quanto prevede il Decreto sicurezza bis approvato definitivamente in Parlamento ad inizio agosto, il provvedimento deve essere adottato dal responsabile del Viminale “di concerto con il Ministro della difesa e con quello delle Infrastrutture e dei Trasporti, secondo le rispettive competenze, è data notizia al Presidente del Consiglio dei ministri”.

Situazione diversa invece per il permesso di sbarcare, che al momento viene negato a Open Arms, che tecnicamente è concesso dalla Prefettura, dunque dal Viminale, che poi deve predisporre l’accoglienza. Dunque ora la Open Arms si trova in acque italiane, davanti Lampedusa. E si trova “al riparo non abbiamo il permesso di entrare in porto”, fanno sapere dalla ong spagnola.

> Richard Gere a TPI: “Io su Open Arms ho visto il dolore delle persone a bordo, con me si sono aperte”

Contro la decisione monocratica del Tar del Lazio di sospendere il divieto di ingresso nelle acque italiane per la Open Arms, perché si ravvisa “una situazione di eccezionale gravità e urgenza” nonchè “un vizio di eccesso di potere per travisamento dei fatti e di violazione delle norme di diritto internazionale del mare in materia di soccorso”, il ministro Salvini ha annunciato il ricorso al Consiglio di Stato.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Disabile lasciata a terra da Ryanair: “Poche volte mi sono sentita così ‘diversa’”
Cronaca / Prima alla Scala, Mattarella: “La cultura russa non si cancella”. Meyer risponde a Sgarbi: “Pena per le sue parole”
Cronaca / Milano, tenta di sfregiarlo con l’acido ma lui riesce a bloccarla: la stalker ai domiciliari
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Disabile lasciata a terra da Ryanair: “Poche volte mi sono sentita così ‘diversa’”
Cronaca / Prima alla Scala, Mattarella: “La cultura russa non si cancella”. Meyer risponde a Sgarbi: “Pena per le sue parole”
Cronaca / Milano, tenta di sfregiarlo con l’acido ma lui riesce a bloccarla: la stalker ai domiciliari
Cronaca / Verona, madre condannata per omicidio: “Ha scosso con eccessiva energia il figlio di un mese”
Cronaca / Verona, assalto ai tifosi del Marocco da parte dei neofascisti: 13 fermati
Cronaca / Il 2023 sorride ai lavoratori: con quattro giorni di ferie si potranno fare 32 giorni di vacanza grazie ai “ponti”
Cronaca / “Chi è davvero il mio fidanzato?”: 18enne posta su Instagram i lividi e denuncia il suo ex
Cronaca / Film horror in classe nell’ora “buca”: studenti restano terrorizzati, insorgono i genitori
Cronaca / “Quel tir mi taglia la strada, ma è matto?!”: giallo sulle telefonate di Alessia Sbal, investita sul Gra
Cronaca / Saccheggiata la tomba di Michele Merlo, la rabbia della madre: “Vergognatevi”