Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Open Arms attracca a Lampedusa: migranti e volontari esultano e cantano “Bella ciao” | VIDEO

Open Arms attracca a Lampedusa: migranti e volontari cantano “bella ciao” | VIDEO

Dopo il sequestro della nave Open Arms disposto della procura il 20 di agosto, è stata ordinata  l’evacuazione immediata degli 83 migranti a bordo, che hanno reagito con gioia alla notizia, intonando “Bella ciao” insieme ai volontari. Anche i ragazzi dell’Azione Cattolica di Agrigento, presenti nel porto con il parroco di Lampedusa don Carmelo La Magra hanno accolto i migranti con la canzone della resistenza.

Dopo 19 giorni di “stallo” la situazione si è sbloccata intorno alle 19 per decisione del procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, che nel pomeriggio insieme a uno staff medico aveva effettuato un’ispezione di un’ora sull’imbarcazione.

Durante la mattinata più volte alcuni dei naufraghi avevano cercato di raggiungere la costa a nuoto: alle 13.00 cinque migranti si sono gettati in mare e sono stati recuperati dalla Guardia Costiera italiana che li ha riportati a Lampedusa. Due ore prima, intorno alle 11.00, un altro gruppo si era gettato in mare esasperato dalla situazione di stallo. Anche loro sono stati soccorsi poco dopo da una motovedetta delle autorità della Guardia Costiera. In seguito alle tensioni la Spagna ha inviato una nave militare per recuperare tutti i migranti e portarli a Maiorca ma poco dopo è arrivato l’ordine di sequestro da parte della procura e i migranti sono scesi tutti a Lampedusa.

La nave della Ong spagnola aveva salvato 147 migranti nelle acque internazionali tra Italia e Libia il 1 agosto 2019, ma da allora né Malta né l’Italia, a cui lo staff della nave aveva chiesto un porto sicuro di approdo, avevano concesso lo sbarco alla Ong. Intanto, il 14 agosto scorso il Tar del Lazio aveva disposto la sospensione del divieto d’ingresso nelle acque territoriali italiane imposto dal ministro dell’Interno alla nave Ong, ma l’autorizzazione a sbarcare non era stata accordata. La nave era stata scortata davanti al porto dalla Marina militare italiana senza però poter far scendere i migranti a bordo.

Open arms, la Procura ordina il sequestro della nave e lo sbarco dei migranti a bordo

Open Arms: la Spagna invia una nave militare per recuperare i migranti e portarli a Maiorca

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme