Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale

Immagine di copertina

Omogeneizzato scaduto nel 2019: bambino di 8 mesi finisce in ospedale

Un bambino di 8 mesi è stato ricoverato in ospedale dopo aver mangiato un omogeneizzato acquistato in un supermercato, che era scaduto nel 2019.

È accaduto a Trento con il papà del piccolo, fortunatamente in via di guarigione, che ha raccontato l’incredibile vicenda al Corriere della Sera.

Secondo quanto ricostruito da Massimo, il padre del bambino, la confezione di omogeneizzato, prodotta da una nota azienda che si occupa di alimenti per bambini, era stata acquistata in un supermercato di Trento lo scorso mercoledì 9 giugno.

“Il giorno dopo — racconta il papà del neonato — la mia compagna ha aperto la confezione e ha preparato la pappa con tre quarti di omogenizzato. Ha mangiato verso le 19 e ha finito tutte le pappe. Subito dopo ha iniziato a vomitare. In un primo momento non ci ho fatto più di tanto caso, anche se non era il solito rigurgito. Abbiamo provato a dargli un po’ di latte e lo abbiamo messo nel box”.

Ma il bambino anziché calmarsi continuava a piangere e vomitare. “Allora gli abbiamo dato alcune gocce di tachipirina e per un po’ si è calmato, ma poco dopo ha ricominciato a piangere”. Poco dopo i genitori hanno notato che il piccolo aveva anche delle chiazze rosse sul corpo fino a quando non è emersa l’incredibile verità.

Quando la mamma ha iniziato a preparare la pappa, utilizzando l’omogeneizzato che era stato aperto precedentemente, infatti, si è accorta che il prodotto era scaduto.

“Sul tappo c’era la data del 31 luglio 2019 e sulla confezione la pubblicità della raccolta punti dal 2016 al 2017. Non riuscivamo a crederci”.

Venerdì 11 giugno, il bambino è stato portato al pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Santa Chiara, dove è stato curato con antibiotici. Il peggio sembra essere passato, anche se, come sottolinea il papà, il piccolo “a distanza di quasi una settimana ha gli occhi arrossati e mangia poco”.

Incredulo il direttore del supermercato, che ha dichiarato: “È ai limiti dell’incredibile che ci sia un prodotto scaduto soprattutto in quell’ambito merceologico mi sembra impossibile. La scadenza più prossima è il 2022, pensare che ci possa essere un prodotto scaduto a luglio 2019 siamo oltre l’impossibile. Abbiamo controlli rigorosi tutti i dipendenti devono controllare i prodotti ogni volta che arriva la rifornitura e gli omogenizzati sono i più acquistati, il riordino è quotidiano”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil