Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

Giallo, arancione, rosso: i 3 scenari del Cts per le chiusure se salgono i contagi

Dal contenimento soft, fino al lockdown: ecco le misure indicate dagli esperti del Comitato Tecnico scientifico a seconda dell'indice di trasmissione

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 12 Ott. 2020 alle 08:14
67
Immagine di copertina
Controlli ai confini Credits: ANSA

Nuovo lockdown, tre scenari del Cts: giallo, arancione e rosso

Quello elaborato dal Comitato Tecnico Scientifico (Cts) è un dossier che descrive tre scenari per l’evoluzione della seconda ondata. All’interno ci sono tre possibili strade per la diffusione del Coronavirus, per ognuna delle quali vengono indicate le misure da adottare per fronteggiare la situazione. L’allerta rossa scatterà solo quando l’indice Rt salirà sopra quota 1,5. È a quel punto che il Cts suggerirebbe al governo di adottare lo stop agli spostamenti tra regione e regione e un nuovo lockdown totale.

Scenario “giallo”

Il primo scenario al vaglio è quello attuale ed è denominato “scenario giallo”. Qui – secondo quanto rivela Il Messaggero – la trasmissibilità è sostenuta e diffusa su tutto il territorio nazionale, ma gestibile dal sistema sanitario nel breve-medio periodo: l’indice Rt di trasmissibilità è tra 1 e 1,25. In questo caso il Cts consiglia il distanziamento sociale, l’istituzione di zone rosse locali e la spinta verso lo smart working.

Scenario “arancione”

Poi è la volta dello scenario “arancione” in cui potrebbero precipitare alcune Regioni più a rischio come Lombardia, Campania, Basilicata. La trasmissibilità è sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario nel medio periodo: Rt tra 1.25 e 1,5. Per questo vengono raccomandati “interventi straordinari estesi, con lockdown temporanei (2-3 settimane) in Comuni e Province”. Non solo, perché è da promuovere anche un inasprimento del distanziamento sociale e l’interruzione delle attività sociali, culturali, sportive a maggior rischio di assembramento.

Scenario “rosso”

In fine il più preoccupante degli scenari: quello “rosso”. In questa situazione il virus ormai si diffonde in modo incontrollato (indice Rt oltre 1,5), con criticità per la tenuta del sistema sanitario nel breve periodo. Il primo step per far fronte all’emergenza sarebbero le “restrizioni” della circolazione tra Regioni e/o Province e il lockdown sarebbe generalizzato come già accaduto nei mesi precedenti.

Leggi anche: 1. Crisanti a TPI: “I tamponi fai da te sono una buffonata. Zaia venditore di fumo”; // 2. De Magistris a TPI: “De Luca è un tiranno, mi ha escluso da tutto. Il Covid l’ha smascherato. Serve la verità e io ho il dovere di dirla”; // 3. L’assessore alla Sanità del Lazio a TPI: “Lockdown inevitabile se i contagi non scendono”; // 4. Ecco a voi i nuovi sovranisti: ignoranti individualisti e negazionisti che cianciano di dittatura sanitaria

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

67
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.