Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’ultimo messaggio sui social di Noa Pothoven: “Tra 10 giorni morirò, respiro ma non vivo più”

Immagine di copertina
Noa Pothoven

Noa Pothoven ultimo messaggio | Una tragedia annunciata, ora più evidentemente che mai.

Noa Pothoven è morta domenica 2 giugno, nella sua casa di Arnhem, in Olanda. Non si è trattato di un caso di eutanasia, come sembrava inizialmente, ma di suicidio. Esasperata da un dolore psicologico che non era più in grado di sopportare, la ragazza di appena 17 anni si è lasciata morire di fame e di sete. (Qui la ricostruzione dei fatti di TPI)

Si tratta di una scelta estrema che Noa aveva preso da tempo, e che ha deciso di condividere in un ultimo messaggio pubblicato su Instagram pochi giorni prima del decesso. Eccolo:

“Voglio arrivare dritta al punto: entro un massimo di 10 giorni morirò. Dopo anni di continue lotte, sono svuotata. Ho smesso di mangiare e bere da un po’ di tempo, e dopo molte discussioni e valutazioni, ho deciso di lasciarmi andare perché la mia sofferenza è insopportabile. Respiro, ma non vivo più”.

Noa Pothoven ultimo messaggio | Come rivelato a TPI da Marco Cappato, leader dell’associazione Luca Coscionii media italiani e internazionali hanno diffuso una bufala quando hanno raccontato che Noa Pothoven è morta in seguito a eutanasia.

La ragazza, più volte vittima di violenze fisiche e consumata da un dolore post traumatico mai guarito negli anni, si è invece spenta per mancanza di cibo e disidratazione, circondata dai suoi familiari che l’hanno assistita fino alla fine.

Quelle sue ultime parole, pubblicate sul social network più popolare del momento, invitano tutti, “pro-vita” e “non” a riflettere sull’aspetto più intimo, meno comunicabile, impossibile da comprendere e quindi anche da giudicare della sofferenza umana.

La bufala sull’eutanasia concessa dall’Olanda alla 17enne Noa Pothoven

Chi era Noa, la ragazza di 17 anni che ha ottenuto l’eutanasia in Olanda

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, come funziona il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Cronaca / Il cane scappa sui binari: 33enne lo insegue, ma viene travolto e ucciso da un treno