Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Coronavirus Italia, quali negozi rimangono aperti: cosa prevede il decreto

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 12 Mar. 2020 alle 08:29 Aggiornato il 12 Mar. 2020 alle 11:39
284
Immagine di copertina
Credits: ANSA/Mourad Balti Touati

Coronavirus Italia, quali negozi rimangono aperti: cosa prevede il decreto

Nella serata di mercoledì 11 marzo 2020 il premier Giuseppe Conte ha tenuto una nuova conferenza stampa per parlare di nuove – e ancora più stringenti – misure per contrastare l’emergenza Coronavirus. Il nuovo Dpcm ha disposto la chiusura delle attività commerciali dopo che già lunedì 9 marzo un primo decreto del premier aveva reso tutta l’Italia zona “rossa” o “protetta” e previsto importanti limitazioni per quanto riguarda lo spostamento delle persone.

Tutti i cittadini, infatti, sono invitati a rimanere più tempo possibile in casa e a uscire solo in caso di necessità, come per motivi di salute o per gli approvvigionamenti alimentari. Ma, a seguito dell’emanazione del nuovo decreto del presidente del Consiglio, quali sono le attività che rimangono aperte al pubblico? Vediamo qui di seguito tutti i dettagli.

Negozi aperti oggi: di quali attività non è prevista la chiusura

Il nuovo Dpcm firmato la sera di mercoledì 11 marzo da Giuseppe Conte contiene, nel dettaglio, l’elenco degli esercizi commerciali che resteranno aperti. Eccolo qui di seguito:

  • ipermercati, supermercati, discount alimentari, minimercati, commercio al dettaglio prodotti surgelati
  • commercio al dettaglio per computer, tlc, elettronica, elettrodomestici
  • commercio al dettaglio per alimentari, bevande
  • tabacchi
  • benzinai
  • commercio al dettaglio per apparecchiature informatiche
  • commercio al dettaglio per ferramenta, vernici, materiale elettrico e idraulico
  • commercio al dettaglio prodotti igienico-sanitari
  • commercio al dettaglio per l’illuminazione
  • edicole
  • farmacie, parafarmacie, commercio al dettaglio articoli medicali e ortopedici
  • profumerie
  • negozi per animali
  • ottici
  • fotografi
  • commercio al dettaglio per combustibile per uso domestico e riscaldamento
  • commercio al dettaglio di saponi, detersivi e affini
  • commercio al dettaglio su internet, tv, via radio e telefono
  • distributori automatici
  • lavanderie
  • tintorie
  • pompe funebri
  • banche
  • uffici postali
  • servizi finanziari

I negozi per animali rimangono aperti? E i tabaccai?

In moltissimi, in queste ultime ore, si sono domandati se i negozi che vendono cibo per animali sarebbero rimasti aperti, come anche i tabaccai. La risposta, come si evince anche dall’elenco appena riportato, è sì: i negozi di animali rimangono aperti, come anche le tabaccherie.

Leggi anche:

1. Coronavirus, è possibile reinfettarsi? La risposta di Burioni / 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Tutto chiuso, l’Italia si ferma: stringiamo i denti ora per tornare presto alla normalità (di L. Telese)

4. Coronavirus, l’esperto: “L’epidemia non finirà quest’anno” / 5. Coronavirus, i contagiati possono trasmetterlo fino a 37 giorni. Quanto durano febbre e tosse / 6. Coronavirus, il grande esodo degli incoscienti: centinaia di persone in fuga dalla Lombardia nonostante l’invito a restare a casa. Video reportage da Milano Centrale

7. Coronavirus, la paura del personale Alitalia: “Sugli aerei contatti stretti, servono più controlli” / 8. Coronavirus, il discorso di Conte: “Restiamo distanti oggi per abbracciarci domani”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

284
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.