Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Nadia Toffa, petizione con 30mila firme per intitolarle un reparto oncologico a Taranto

Immagine di copertina

La petizione online su Change.org

Nadia Toffa, petizione per intitolarle un reparto oncologico

Una petizione online per chiedere di intitolare a Nadia Toffa un reparto oncologico a Taranto. Sono oltre 30mila le firme raccolte in pochi giorni su Change.org (qui il link) per raggiungere l’obiettivo, che rappresenta un’ulteriore conferma del grande affetto e stima di migliaia di persone nei confronti storica conduttrice del programma Mediaset Le Iene, morta lo scorso 13 agosto dopo aver combattuto una lunga battaglia contro un tumore.

La petizione via Internet chiede di intitolare il reparto Oncoematologico pediatrico dell’ospedale Santissima Annunziata ed è rivolta al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Nel testo si legge: “Era cittadina onoraria di Taranto, su delibera del Consiglio comunale. Questo il riconoscimento che le era stato dato per le sue battaglie in difesa della salute dei tarantini, e dei bambini in particolare modo, salute costantemente minacciata dall’inquinamento del polo siderurgico. Grazie a Nadia Toffa, Taranto ha un reparto Oncoematologico Pediatrico”. “Credo che sia giusto – aggiunge la promotrice – dare a questo reparto il suo nome, per ringraziarla l’impegno e la speranza che ha regalato ai genitori e bimbi di Taranto poco fortunati”.

> Funerali Toffa, l’omelia di don Maurizio Patriciello: “Amata e odiata, ma era dalla parte dei deboli”

L’attestato di cittadina onoraria era stato consegnato alla conduttrice il 14 gennaio scorso in una cerimonia a Palazzo di città.

Nadia Toffa era stata testimonial della campagna di vendita solidale delle magliette con la scritta ‘Ie jesche pacce pe te’ (io esco pazzo per te) ideata dagli amici del Mini Bar del rione Tamburi, il più esposto alle emissioni dello stabilimento siderurgico, attraverso la quale era stata raccolta la somma di oltre 500mila euro, somme servita anche per l’assunzione di una pediatra nel reparto oncoematologico.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Mi disse che l’avevano stuprata”: caso Ciro Grillo, il racconto del maestro di kitesurf
Cronaca / Vaccini, l'appello di Papa Francesco: "Sospendere i brevetti, siano di tutti"
Cronaca / "Undici frammenti": esce il podcast sul caso Marta Russo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Mi disse che l’avevano stuprata”: caso Ciro Grillo, il racconto del maestro di kitesurf
Cronaca / Vaccini, l'appello di Papa Francesco: "Sospendere i brevetti, siano di tutti"
Cronaca / "Undici frammenti": esce il podcast sul caso Marta Russo
Cronaca / Razzo cinese in caduta domenica, 9 regioni italiane in allerta: “Evitare di stare all’aperto”
Cronaca / De Raho: “Beatificazione di Rosario Livatino un momento di cambiamento”
Cronaca / "I morti di Covid nel mondo sono il doppio di quelli ufficiali"
Cronaca / Von der Leyen: "Lo stop ai brevetti non risolve il problema"
Cronaca / Somministrate 23.1 milioni di dosi
Cronaca / Gubbio, esplosione in un capannone: un morto. Una donna è dispersa
Cronaca / La nave libica che ha sparato al peschereccio italiano era stata donata dall’Italia a Tripoli