Me

Nadia Toffa e “il cancro al cervello”: dove era il tumore

Di Marco Nepi
Pubblicato il 13 Ago. 2019 alle 10:05 Aggiornato il 13 Ago. 2019 alle 14:10
Immagine di copertina
Nadia Toffa

Nadia Toffa è morta. La conduttrice e inviata de “Le Iene” è scomparsa a 40 anni, dopo avere a lungo lottato contro un tumore. Aveva compiuto 40 anni lo scorso 10 giugno. A dare la notizia della morte è stata la redazione il 13 agosto con un messaggio su Twitter e Facebook.

È morta Nadia Toffa: era malata di cancro

“Ho sempre creduto che la vita fosse disporre sul tavolo, nel miglior modo possibile, le carte che ti sei trovato in mano. Invece all’improvviso ne arriva una che spariglia tutte le altre, e la vita è proprio come ti giochi quell’ultima carta”. Queste le parole di Nadia Toffa nelle prime pagine del suo libro, Fiorire d’inverno, scritto per raccontare la malattia.

Chi era Nadia Toffa, la conduttrice de Le Iene morta oggi per una terribile malattia

Su Google il suo nome è tra le parole più cercate, come anche le frasi “Nadia Toffa tumore dove”, “Cancro dove l’ha avuto”. Sono infatti tanti gli utenti che si chiedono in quale parte del corpo fosse il tumore.

I funerali di Nadia Toffa saranno celebrati venerdì 16 agosto a Brescia, dal parroco simbolo della lotta nella Terra dei Fuochi

Nadia Toffa aveva deciso di rendere pubblica la sua battaglia contro il cancro terapia dopo terapia, ma non era mai scesa nei dettagli. Tra le ultime notizie che circolano sul web si legge di un tumore al cervello, ma c’è anche chi parla di tumore ai polmoni.

Morta Nadia Toffa, il messaggio sui social de Le Iene: “Niente per noi sarà più come prima”

A dicembre 2017 Nadia ha avuto il primo malore mentre si trovava a Trieste per un servizio di lavoro.

“Un paio di settimane fa ero nella mia amata Trieste a fare un servizio, dovevamo incontrare un segretario di un sindacato. La sera sono andata a mangiare, ho brindato con l’autore perché siamo riusciti a incontrarlo e poi sono andata a letto in hotel. Tutto normale. La mattina poi mi alzo, faccio il caffè e chiamo Davide Parenti (ndr, ideatore e capo progetto del programma) per parlare di lavoro. Lui poi mi ha detto che ero molto rallentata. Io sinceramente non ricordo benissimo, mi sentivo strana…”, aveva raccontato in un’intervista.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Morta Nadia Toffa: la malattia e le cure negli scatti della conduttrice de Le Iene su Instagram

Dopo i primi accertamenti medici fu trasferita in elisoccorso all’ospedale San Raffaele di Milano. Al tempo si parlò di “patologia cerebrale”. Dopo due mesi Nadia Toffa è tornata alla conduzione de “Le Iene” e raccontò al pubblico che stava lottando contro il cancro.

Pare che il tumore che ha colpito Nadia Toffa fosse proprio al cervello. Alcuni fan lo hanno scritto anche sulla sua pagina Instagram.

Il sito Nexquotidiano.it ha approfondito la malattia della iena in un articolo di qualche mese fa. Nel commento si legge: “Nadia Toffa è anche una donna che ha contratto il cancro in una delle declinazioni peggiori: quello al cervello. Avete mai conosciuto qualcuno con il lobo frontale in metastasi? Oltre alla chemioterapia, al dolore, alle operazioni, agli interminabili momenti di attesa passati negli androni degli ospedali, in attesa di un referto sempre indecidibile”.

E ancora: “Oltre a un’esistenza che si fa incauta per obbligo e non per scelta, il cancro al cervello ci mette il carico da novanta, tra cambi di personalità, mal di testa, problemi alla vista e addirittura allucinazioni sensoriali”.

Ma la notizia su dove fosse il tumore è ancora da confermare.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Stefania Gori, presidente degli oncologi dell’Aiom, l’Associazione italiana di oncologia medica, è stata interpellata dall’Agi sulla malattia della conduttrice delle Iene.

“Nadia Toffa ha avuto un tipo di tumore per il quale la ricerca sta lavorando molto a livello internazionale, ma anche in Italia”, ha dichiarato la presidente.

“Su alcune forme tumorali dobbiamo acquisire ancora maggiori conoscenze – ammette l’oncologa – ma anche per queste la ricerca sta avendo notevoli progressi. In generale la ricerca oncologica ha fatto molti passi avanti – osserva Gori – il 60 per cento dei pazienti con una diagnosi di tumore ha una sopravvivenza di 5 anni, e per il carcinoma alla mammella e alla prostata la percentuale di sopravvivenza sfiora il 90 per cento”.

I messaggi social di Salvini e Di Maio sulla morte di Nadia Toffa: “Ci mancherai”