Milano: venditore di rose bengalese aggredito alla Darsena e spinto in acqua

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 12 Lug. 2020 alle 11:54 Aggiornato il 12 Lug. 2020 alle 11:55
310
Immagine di copertina

Milano: venditore di rose bengalese aggredito alla Darsena e spinto in acqua

Un venditore di rose bengalese è stato aggredito da due giovani e buttato nella Darsena di Milano: la vicenda è avvenuta nella città meneghina nella notte tra sabato 11 e domenica 12 luglio. Secondo quanto ricostruito dal Corriere della Sera, l’uomo, un cittadino bengalese di 55 anni, intorno alle 2,15 della notte è stato aggredito nel cuore della Darsena da due giovani di circa 25 anni, che lo hanno buttato in acqua. Ad allertare la polizia sono stati alcuni passanti, che hanno visto il venditore di rose in acqua. Sul posto in breve tempo sono arrivati un’ambulanza, una volante della polizia e un equipaggio dei vigili del fuoco. I soccorritori hanno trovato l’uomo già fuori dall’acqua, il quale ha raccontato come si sono svolti i fatti.

Il Sindaco di Sesto San Giovanni prende in giro la Polizia di Milano

Il bengalese, infatti, ha affermato di essere stato avvicinato da due giovani, mentre tentava di vendere le rose ad alcuni potenziali clienti, che lo hanno insultato e aggredito senza motivo. A quel punto, il 55enne ha cercato di allontanarsi, ma è stato inseguito e raggiunto dai due, che lo hanno spinto in acqua. La polizia non ha trovato testimoni diretti dell’aggressione, mentre la polizia non è riuscita ancora a rintracciare i due aggressori. Il bengalese, invece, dopo aver rifiutato il ricovero in ospedale, è tornato nella sua abitazione con l’invito a presentare formale querela per aggressione.

Leggi anche: 1. Beppe Sala a TPI: “Se tornassi indietro, parlerei di meno. Non so se mi ricandido a sindaco di Milano” / 2. [Retroscena] Fonti Lega a TPI: Salvini sta pensando di candidarsi a sindaco di Milano / 3. Milano verso le elezioni 2021: tra nomi veri e ipotesi, tutto gira intorno a Beppe Sala

310
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.