Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I migranti rispediti in Italia dagli altri paesi europei sono più di quelli che sbarcano

Immagine di copertina
Credit: Federico Scoppa/ Afp

Migranti rispediti Italia Ue | Il numero dei migranti rispediti in Italia dagli altri paesi europei, è maggiore a quello di coloro che sbarcano nel nostro paese. Germania, Austria e Francia rimandano indietro i migranti che sono sbarcati in Italia e che poi hanno attraversato le frontiere

Secondo il regolamento di Dublino infatti, i migranti devono fare richiesta di asilo nel paese di primo approdo. In questo caso l’Italia. Il trasferimento dei cosiddetti “dublinanti” è possibile grande alle impronte digitali, che vengono prese al momento dello sbarco e dell’identificazione da parte della polizia.

Le impronte digitali sono registrate nella banca dati Eurodac, e attraverso quella è possibile risalire al paese di primo approdo.

Nello specifico, nei primi 5 mesi del 2019 in Italia sono sbarcati 857 migranti, mentre sono stati rispediti in Italia 710 persone dalla Germania, e molte altre da Austria e Francia.

A riferire questi dati è il Sole 24 Ore che ha chiesto i numeri al Ministero dell’Interno tedesco.

Nell’arco del 2018, sono stati 2.848 i migranti trasferiti dalla Germania all’Italia.

Secondo il quotidiano Suddeutsche Zeitung nei primi 11 mesi del 2018, la Germania ha inviato 51.558 richieste di trasferimento ad altri paesi dell’Ue. In 35.375 casi la richiesta è stata accolta. L’Italia è il paese che ha ripreso indietro il maggior numero di migranti, essendo il paese di primo sbarco più interessato dal fenomeno migratorio.

Migranti rispediti Italia Ue | Che cos’è il regolamento di Dublino

Il regolamento di Dublino II è un provvedimento emanato nel 2003 che regola le richieste d’asilo nei paesi dell’Ue e in alcuni paesi esterni all’Ue.

Il provvedimento obbliga i richiedenti asilo a presentare la richiesta di asilo sul territorio del primo stato europeo in cui approdano senza poterla reiterare in altri stati dell’Ue.

Il regolamento prevede anche un sistema di controllo tramite un archivio condiviso tra i vari stati, noto con il nome di Eurodac, in cui ogni richiedente è obbligato a registrare le proprie impronte digitali in maniera tale da evitare di poter presentare domande multiple.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate