Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Migranti, Sea Eye: “Abbiamo le prove che i libici hanno minacciato la Alan Kurdi con armi da fuoco”

Immagine di copertina

Secondo la Ong, 92 migranti, alcuni dei quali in mare, e 17 membri dell'equipaggio sarebbero in pericolo di morte

Migranti, Sea Watch: “Libici minacciano l’equipaggio della Alan Kurdi”

I libici minacciano l’equipaggio dell’Alan Kurdi, ostacolando il salvataggio di 92 migranti, alcuni dei quali sarebbero in mare: è quanto ha denunciato sabato 26 ottobre la Ong Sea Watch sul proprio profilo Twitter.

migranti alan kurdi libici

A dare per primo la notizia è stato Gorden Isler, uno dei responsabili della Alan Kurdi, sul suo profilo Twitter.

La Alan Kurdi è una delle navi che si occupano di soccorrere i migranti nel Mediterraneo della Ong tedesca Sea Eye.

Gatti (Open Arms) a TPI: “Fare sempre come con Alan Kurdi: migranti subito in un porto sicuro”

 Secondo il racconto un motoscafo con tre motori fuoribordo, la bandiera libica a poppa e una mitraglietta a prua si è avvicinato ai due piccoli gommoni della Ong tedesca Alan Kurdi impegnati nel soccorso di 90 migranti e ha aperto il fuoco sparando prima verso il cielo ma poi anche in acqua.

La guardia costiera libica, nella serata di sabato, ha rilasciato un comunicato nel quale negava di essere coinvolta nell’incidente: “Le nostre pattuglie non hanno né intercettato né minacciato o bombardato la barca di un’organizzazione non governativa”.

La Ong ha chiesto al governo libico di indagare e intraprendere azioni legali contro i responsabili. “La Guardia costiera libica è responsabile”, afferma il responsabile Gorden Isler. 

In un tweet pubblicato questa mattina, la Sea Eye annuncia che in serata pubblicherà un video nel quale si mostrerà l’attacco dei libici.

Dalla Ong fanno sapere, nel frattempo, che l’imbarcazione della Alan Kurdi ha affrontato una tempesta nella notte e che i migranti a bordo sono stremati.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / “Non è stato un incidente, è stata uccisa”: il giallo della morte di Alessia Sbal, investita sul Gra di Roma
Cronaca / A che ora Papa Francesco va a Piazza di Spagna a Roma per la Festa dell’Immacolata: l’orario
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / “Non è stato un incidente, è stata uccisa”: il giallo della morte di Alessia Sbal, investita sul Gra di Roma
Cronaca / A che ora Papa Francesco va a Piazza di Spagna a Roma per la Festa dell’Immacolata: l’orario
Cronaca / Immacolata 2022, supermercati e negozi aperti o chiusi oggi, 8 dicembre
Cronaca / Disabile lasciata a terra da Ryanair: “Poche volte mi sono sentita così ‘diversa’”
Cronaca / Prima alla Scala, Mattarella: “La cultura russa non si cancella”. Meyer risponde a Sgarbi: “Pena per le sue parole”
Cronaca / Milano, tenta di sfregiarlo con l’acido ma lui riesce a bloccarla: la stalker ai domiciliari
Cronaca / Verona, madre condannata per omicidio: “Ha scosso con eccessiva energia il figlio di un mese”
Cronaca / Verona, assalto ai tifosi del Marocco da parte dei neofascisti: 13 fermati
Cronaca / Il 2023 sorride ai lavoratori: con quattro giorni di ferie si potranno fare 32 giorni di vacanza grazie ai “ponti”