Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Messa di Pasqua 2020, Papa Francesco: “È finito il tempo dell’indifferenza e degli egoismi: è giunto il momento della pace, l’Europa ritrovi la solidarietà”

Immagine di copertina

Messa di Pasqua 2020: le parole di Papa Francesco

Dopo la messa di Pasqua celebrata nella Basilica di San Pietro, Papa Francesco ha pronunciato la sua benedizione urbi et orbi. Un discorso denso di appelli alla comunità internazionale per aiutare i popoli in difficoltà a ritrovare pace e ricevere il sostegno adeguato per affrontare la crisi portata dal Coronavirus. “Oggi echeggia in tutto il mondo l’annuncio della Chiesta: Gesù Cristo è risorto. E’ veramente risorto, con una fiamma nuova questa notizia si è accesa nella notte. Nella notte di un mondo alle prese con sfide epocali che mettono alla prova la nostra famiglia umana. Ma la resurrezione è un altro contagio che si trasmette da cuore a cuore, è il contagio della speranza. Cristo è risorto. E’ la vittoria dell’amore sulla radice del male, che non scavalca la sofferenza e la morte, ma le attraversa, trasformando i mali in bene. A Gesù volgiamo il nostro sguardo perché sani le ferite dell’umanità afflitta. Il mio pensiero va a quanti sono stati colpiti direttamente dal Coronavirus, ai malati, a quelli che sono morti e a chi piange per la scomparsa dei loro cari, a cui non sono riusciti a dare neanche l’estremo saluto”, ha detto Bergoglio.

“Questa è una Pasqua di solitudine, vissuta trai lutti e i tanti disagi che l’epidemia sta provocando. Questo morbo non ci ha privato solo degli affetti, ma anche della possibilità di attingere alla consolazione che sgorga dai sacramenti. Ma il signore non ci ha lasciati soli, rimanendo uniti nella preghiera siamo certi che egli ha posto su di noi la sua mano, ripetendoci con forza: non temere, sono risorto e sono sempre con te. Gesù nostra Pasqua sia forza e speranza. Ai medici e agli infermieri che ovunque offrono cura fino all’estremo delle loro forze sacrificando anche la propria salute. A loro, alle forze dell’ordine, che in molti paesi hanno contribuito ad alleviare le sofferenze della popolazione va il nostro pensiero affettuoso con la forza della gratitudine. In queste settimane la vita di molte persone è cambiata all’improvviso, per molti è stata un’occasione per riflettere e godere della compagnia dei propri cari. Per tanti però è anche un tempo di preoccupazione per l’avvenire incerto, il lavoro che si rischia di perdere e le sofferenze che la crisi porta con sé. Incoraggio chi ha responsabilità politiche ad adoperarsi per il bene dei cittadini, fornendo i mezzi per consentire a tutti di condurre una vita dignitosa e favorire la ripresa. Non è questo il tempo dell’indifferenza, perché tutto il mondo sta soffrendo e deve ritrovarsi unito ad affrontare la pandemia”.

“Gesù doni speranza ai profughi e ai senza tetto: non siano lasciati soli i fratelli e le sorelle più deboli che popolano le città e periferie di ogni parte del mondo. Non facciamo mancare loro i beni di prima necessità. Si allentino pure le sanzioni internazionali che inibiscono le possibilità dei Paesi che ne sono destinatari di fornire sostengo ai cittadini e si mettano in condizione gli stati, riducendo se non condonando il debito che grava sui bilanci di quelli più poveri. Non è il tempo degli egoismi, perché la sfida che stiamo affrontando ci colpisce tutti. L’Europa è potuta risorgere grazie a concreto spirito di solidarietà che ha consentito di superare la rivalità del passato: è quantomai urgente soprattutto in circostanze odierne che non riprendano vigore ma che tutti si riconoscano parte di un’unica famiglia e si sostengano a vicenda. L’Unione Europea ha di fronte a sé sfide da cui dipenderà il futuro del mondo intero. Non si perda occasione di dare prova di solidarietà anche ricorrendo a soluzioni innovative. Non si ceda alla tentazione di un ritorno al passato”, ha osservato il Papa.

Non è questo il tempo delle divisioni, Cristo nostra Pace illumini quanti hanno responsabilità nei conflitti perché rispondano all’appello di cessare il fuoco in tutti gli angoli del mondo. Non è questo il tempo in cui continuare a trafficare armi, sprecando risorse che devono essere utilizzati per salvare vite. È invece il tempo di porre fine al conflitto in Siria, in Iraq e in Siria. Sia il tempo in cui israeliani e palestinesi riprendano il dialogo per trovare soluzione stabile e duratura che permetta di vivere in pace. Si ponga fine agli attacchi terroristici contro tante persone innocenti in diverse zone dell’Africa. Non è questo il tempo della dimenticanza. Gesù doni protezione ai tanti migranti e rifugiati, tra cui tanti bambini, specialmente in Libia e al confine tra Grecia e Turchia. Non voglio dimenticare l’isola di Lesbo. Permetta in Venezuela di giungere a soluzioni concrete e immediate”.

“Cari fratelli e sorelle, indifferenza, egoismo, divisioni non sono le parole che vogliamo sentire in questo tempo, vogliamo bandirle da ogni tempo, sembrano prevalere quando in noi vincono la paura e la morte, cioè quando non lasciamo vincere il Signore Gesù nel nostro cuore e nella nostra vita. Disperda le tenebre della nostra umanità e ci introduca nel suo giorno glorioso che non conosce tramonto. Buona Pasqua”.

Ieri, nella veglia pasquale, Papa Francesco aveva detto: “È l’ora più buia, ma nessuno ci potrà togliere il diritto alla speranza”. E proprio Mattarella lo ha ringraziato per il suo appello, ricordando come questa Pasqua di solitudine sia necessaria. Il Papa ha definito angeli i medici, le forze dell’ordine, i farmacisti e tutti coloro che garantiscono i servizi essenziali durante la quarantena, raccomandandosi di rispettare le regole e restare a casa.

MESSA PASQUA 2020 IN TV STREAMING – Oggi, domenica 12 aprile 2020, alle ore 10,50 Papa Francesco terrà la Santa Messa per una Pasqua di Resurrezione in una basilica di San Pietro vuota. A seguirla dallo studio di ‘A Sua Immagine’ con Lorenza Bianchetti ci saranno il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e Don Lui

gi Verdi, fondatore della Fraternità di Romena. Dove vedere la Santa Messa di Pasqua di Papa Francesco (con Benedizione Urbi et Orbi) in tv e live streaming? Di seguito tutte le informazioni nel dettaglio.

Messa di Pasqua 2020 in tv e orario

L’evento avrà inizio, come detto, alle ore 10,50. Sarà possibile seguire la messa di Pasqua con Papa Francesco in diretta tv su Rai 1 (canale 1 del digitale terrestre o 501 (in HD)) all’interno del programma A sua immagine. Oltre alla tv di Stato la Santa Messa verrà trasmessa anche da Tv2000 (canale 28 dtt e 157 Sky).

In live streaming

La messa di Pasqua di oggi 12 aprile 2020 sarà trasmessa anche in live streaming su RaiPlay.it, sui social network vaticani e su YouTube.

In Radio

Su Rai Radio 1 la Santa Messa andrà in onda, sempre in diretta, all’interno del programma ‘La Finestra su San Pietro’ (dalle 10,55 alle 11,50). Alle 11,55, sempre su Rai Radio 1, andrà in onda la Benedizione Urbi et Orbi impartita da Papa Francesco.

Benedizione Urbi et Orbi: cosa è

Abbiamo visto dove vedere la Santa Messa di Pasqua di Papa Francesco in tv, streaming e radio. Al termine della celebrazione di oggi, 12 aprile 2020, il Pontefice impartirà la benedizione Urbi et Orbi con indulgenza plenaria a tutti coloro che la desiderano come già accaduto, fatto storico, lo scorso 27 marzo 2020 in una Piazza San Pietro deserta. Ma cosa è la benedizione apostolica Urbi et Orbi? Si tratta della prima benedizione pubblica di un Papa subito dopo l’elezione e viene impartita dal Pontefice “solo” nei giorni di Natale e Pasqua. In pratica, il Papa concede ai credenti l’indulgenza plenaria dai peccati. Cos’è l’indulgenza plenaria? È la remissione, e quindi cancellazione, totale o parziale della pena temporale dovuta per i peccati già confessati e perdonati sacramentalmente. L’indulgenza plenaria cancella dunque non solo il peccato ma anche la pena temporale che dovrà essere scontata o sulla terra con preghiere, penitenze od opere di carità, o in Purgatorio.

Leggi anche:

1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. G7, Trump vuole chiamare il Coronavirus “virus di Wuhan”. Gli altri stati: “Inaccettabile” / 3. L’Italia dice no alla bozza Ue. Conte: “10 giorni per trovare una soluzione” / 4. Il virus ha travolto le nostre certezze, ma la comunità può salvarci dalla tempesta: la lezione di Papa Francesco

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale