Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Nasce “mamme in azione”, la piattaforma social per tutte le mamme d’Italia

Un gruppo in cui le madri di tutto il Paese possono confrontarsi e risolvere insieme i problemi di ogni giorno

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 6 Nov. 2019 alle 09:16 Aggiornato il 6 Nov. 2019 alle 09:27
3
Immagine di copertina

“Mamme in azione”, l’iniziativa dedicata a tutte le mamme d’Italia

Ha preso il via in questi giorni “Mamme in Azione”, iniziativa civica e no-profit dedicata a tutte le mamme d’Italia.

L’obiettivo è quello di creare un sistema non gerarchico basato sulle relazioni tra tutte le mamme del nostro Paese, per dare voce ai problemi e, soprattutto, alle soluzioni possibili per migliorare la vita della mamme.

L’idea dalla quale sono partiti gli ideatori dell’iniziativa è costruire un percorso “dal basso”, partecipato e condiviso il più possibile, senza gerarchie o vincoli (tranne quei pochi elementi necessari a una conversazione fondata su basi di mutuo rispetto), nel quale sviluppare insieme un viaggio, per unire in modo positivo i diversi pezzi del puzzle della vita complicata di donne e mamme.

La principale promotrice di questo progetto-esperimento è Paola Carinelli, donna e mamma attiva in politica. Carinelli è partita dalla constatazione che oggi il dibattito politico è diviso in colori e tifoserie. Il progetto “Mamme in azione” vuol provare a mettere da parte il credo, che divide, e ragionare insieme su problemi e soluzioni.

Il progetto si basa su una piattaforma social, un gruppo Facebook che coinvolge diverse comunità d’interesse, fondato sull’idea che questo tipo di piattaforme possono generare positività come strumento di aggregazione e coinvolgimento di persone, che pur non conoscendosi hanno problemi comuni, e incontrandosi online discutono e creano soluzioni.

Le quattro community sono:

Mamme Attive. In quest’area – http://bit.ly/2Pp1wgt – saranno trattate tutte le tematiche relative alla quotidianità e al vissuto delle mamme, identificando, in un’ottica di crowdsourcing, i problemi e le soluzioni. I temi verteranno sul lavoro e su come conciliare l’impegno lavorativo con quello familiare e di cura dei figli, la relazione con il coniuge/compagno di vita/padre, la progressiva affermazione della famiglia “allargata” e le implicazioni che ne derivano, le relazioni familiari con gli altri parenti, le proprie passioni e gli interessi extra lavorativi, la sfera sessuale, le ambizioni tradite o nascoste, la salute, nonché la politica, intesa come partecipazione civica.

Mamme & Mamme. Questa è l’area di libertà, di sogno e di utopia e anche di “sfogo” delle frustrazioni. Un ambiente – http://bit.ly/32WNBSM – dove lasciarsi andare con i propri pensieri e riflessioni, esprimendo i propri sogni, ma anche inevitabilmente la propria rabbia, con la possibilità di denunciare angherie e torti subiti.

Mamme Civiche. Quest’area – http://bit.ly/2Pp1wgt – è concepita come un gruppo di auto-aiuto reciproco tra mamme. Una community dove le madri possono aiutarsi per risolvere le difficoltà legate alla quotidianità, ma anche di scambio di informazioni utili e buone pratiche che le aiutino a risolvere le problematiche concrete che di giorno in giorno si presentano, dalla ricerca di un buon idraulico per riparare la lavatrice a come fare per sbrigare una pratica in Comune, fino a questioni più articolate e complesse.

Di Madre in Figlio. Qui sono i figli a farla da padrone, infatti quest’area – http://bit.ly/2NhJj1J –  è dedicata proprio a loro. Verranno trattati tutti gli aspetti che riguardano la loro vita, con le relative differenze a seconda delle diverse fasce di età: la scuola, il tempo libero, la pratica sportiva, l’educazione civica, le regole di vita e come parlare e relazionarsi con i propri figli. Essere madre è un mestiere difficile e faticoso, che nessuno può insegnare: in questo ambito lo scambio di esperienze, di consigli, di buone pratiche troveranno spazio, dando soluzioni pratiche per affrontare le diverse situazioni che si generano nella gestioni dei propri figli, e ovviamente la condivisione di tali responsabilità e compiti con il proprio marito o compagno.

Bonus figli? No grazie: il vero problema per la natalità è che mancano i servizi e le mamme sono discriminate

3
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.