Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Maltempo, allagamenti e forti temporali in Liguria, la Protezione civile chiede di chiudere le scuole del Ponente

Immagine di copertina

Maltempo, allagamenti e forti temporali in Liguria, la Protezione civile chiede di chiudere le scuole del Ponente

Un’ondata di maltempo ha colpito la Liguria, in particolare il Medio Ponente e il Ponente di Genova. Una forte perturbazione in arrivo dalla Francia ha provocato temporali forti, allagamenti e danni nell’area di Genova, in particolare in zona Pegli – Arenzano. Allerta maltempo arancione su gran parte della regione Liguria.

L’uscita di Genova Pegli è chiusa al traffico per allagamenti. Tra le 5 e le 6 del mattino sono caduti oltre 90 millimetri di pioggia a Genova Pegli, 18.6 mm in meno di 45 minuti. 80 mm a Bolzaneto. Sia a Pegli che a Bolzaneto si registrano già allagamenti. Arpal segnala che i livelli dei torrenti sono in rapida crescita.

Scuole chiuse – Intanto la Protezione civile genovese ha chiesto ai dirigenti scolastici di far rimanere chiuse le scuole del Ponente genovese a causa delle forti piogge.

“Abbiamo deciso di chiudere le scuole nei municipi Ponente e Medio Ponente. Stiamo monitorando la situazione minuto per minuto in modo da poter prendere le decisioni tempestive”, ha detto Sergio Gambino, consigliere delegato alla Protezione civile. Monitorati i rii e i torrenti del Ponente: “Per adesso, nonostante siano carichi, sono sotto controllo e vengono costantemente monitorati, soprattutto il Leira”.

Ritardi nella circolazione dei treni – La forte ondata di maltempo che sta interessando la Liguria sta inoltre procurando problemi anche alla circolazione dei treni. Secondo quanto riferito da Trenitalia, sulla Linea Genova – Ventimiglia ci sono forti rallentamenti tra Genova Voltri e Cogoleto per guasti agli impianti di circolazione dovuti all’allagamento dei binari. La circolazione ferroviaria avviene su un binario solo anziché due con ritardi fino a un’ora e mezza e possibili cancellazioni. Attivato un servizio bus integrativo tra Genova e Savona.

Traffico in tilt a Genova – La città di Genova è tagliata in due a causa della chiusura al traffico a via Ronchi e via Simone Pacoret De Saint Bon. Forti precipitazioni soprattutto in Valpolcevera e tra Pegli e Sestri. In città si registrano sottopassi allagati e frane. L’autostrada è difficile da raggiungere. La via Aurelia in zona Pizzo è stata chiusa ieri sera alle 23.40 e rimane tuttora chiusa.

Le previsioni del meteo in Italia per oggi, martedì 15 ottobre 2019

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più