Milano, maestra bardata dalla testa ai piedi: “I bambini ci prenderanno per alieni”. Scoppia la polemica

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 7 Set. 2020 alle 20:42
1.7k
Immagine di copertina

Educatrice posta foto bardata, scoppia la polemica

“Noi educatrici ci presenteremo così a bambini di due anni che non ci vedono da 6 mesi…con camici in plastica (modello Figurella per dimagrire). Neanche gli infermieri sono così, e il lavoro di organizzare la segnaletica fatta da noi, pulire da noi, senza parlare di zero giardino inagibile da 4 anni. Vergognoso, una organizzazione cosi bassa non l’ho mai vissuta in 22 anni di servizio. Ci prenderanno per aliene”. Inizia così il post di una maestra pubblicato il 5 settembre tra i commenti della pagina Facebook del Comune di Milano. Nella foto l’educatrice appare completamente bardata con un camice di plastica trasparente, mascherina e visiera di plexiglas nell’atrio di una scuola. L’immagine ha scatenato forti polemiche tra i genitori che sostengono la tesi della maestra e chi, invece, sostiene che la sicurezza dovrebbe essere posta comunque al primo posto.

Il Comune di Milano ha risposto al post dell’educatrice spiegando: “L’amministrazione ha programmato l’avvio dell’anno educativo attraverso un protocollo condiviso con i rappresentanti dei lavoratori e il medico competente per garantire la sicurezza dei lavoratori e dei bambini. Gli stessi dispositivi di protezione previsti per questo anno scolastico sono stati utilizzati durante i centri estivi e non si sono riscontrate difficoltà da parte dei piccoli a cui tutto è stato presentato come un gioco. Per quanto riguarda i camici usa e getta, ricordiamo che sono previsti solo per l’avvio del servizio e sono progressivamente in sostituzione con casacche di cotone”.

Leggi anche: 1. Scuola, Governo e Regioni promuovano una vaccinazione antinfluenzale di massa: la campagna di TPI / 2. Non possiamo essere ostaggio dei no-vax: rendiamo il vaccino antinfluenzale obbligatorio a scuola (di David Parenzo)

1.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.