Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Johnson & Johnson, lo stop può essere pesante per l’Italia: il rischio è la carenza di dosi

Immagine di copertina
Vaccino Johnson & Johnson. Credit Image: Ringo Chiu/ZUMA Wire

Nel breve periodo l'effetto della sospensione del vaccino monodose sarà limitato, ma se questa dovesse protrarsi anche a maggio e a giugno, o se si dovesse stabilire una limitazione per età, la campagna vaccinale ne risentirà inevitabilmente

La sospensione precauzionale dell’utilizzo di Johnson & Johnson negli Stati Uniti è arrivata nello stesso giorno in cui nell’aeroporto militare di Pratica di Mare sono atterrati gli aerei cargo con le prime fiale del vaccino statunitense atteso in Italia: circa 184mila dosi in arrivo tra oggi e domani, che si tradurrebbero in 184mila potenziali vaccinati nel nostro Paese, considerando che il farmaco prodotto da Janssen è l’unico monodose efficace contro il Covid.

J&J è stato sospeso negli Usa dopo la segnalazione di 6 casi di trombosi e un decesso, tutti fra donne tra i 18 e i 48 anni che avevano ricevuto una dose del vaccino contro il Covid. I casi sono estremamente rari se consideriamo che si sono registrati su un totale di 6,8 milioni di dosi somministrate (“Meno di un caso su un milione”, ha osservato il noto virologo statunitense Anthony Fauci). L’azienda, nel frattempo, ha sospeso temporaneamente la consegna delle dosi destinate all’Europa. Ma quali conseguenze avrà questa sospensione sulla campagna vaccinale in Italia?

Sospensione J&J, le conseguenze in Italia

Per il momento, le dosi del vaccino Johnson & Johnson resteranno quindi in magazzino, in attesa che si sciolga il nodo della sospensione negli Usa e che arrivi anche un nuovo pronunciamento dell’Ema. L’Agenzia europea del farmaco ha riferito che sta approfondendo la questione, ma di non ha rilevato al momento un rapporto causa-effetto tra gli eventi trombotici e il vaccino.

“Valuteremo nei prossimi giorni, ma Johnson & Johnson dovrà essere usato. Appena a Ema e Usa daranno informazioni definitive quale sarà la strada migliore valuteremo”, ha dichiarato il ministro Roberto Speranza, che ieri ha partecipato a una riunione al Ministero della Salute, con l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), l’Istituto superiore di sanità (Iss) e il Comitato tecnico scientifico (Cts).

Per quanto riguarda il possibile rallentamento della campagna di vaccinazione in Italia a causa della sospensione, la ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini ha usato toni rassicuranti: “Non allarmiamoci. Il pronunciamento su J&J ha effetto limitatissimo sul piano vaccinale“, ha sottolineato.

Ma quante dosi J&J ha acquistato il nostro Paese? Entro la fine del 2021, sulla base del piano nazionale italiano sui vaccini, è previsto l’arrivo di 26,57 milioni di dosi del vaccino statunitense, di cui 7,31 milioni di dosi entro giugno, 15,94 milioni entro settembre e altre 3,32 entro la fine di dicembre. Dunque, anche se nel breve periodo l’effetto della sospensione del vaccino monodose sarà limitato, se questa dovesse protrarsi anche a maggio e a giugno la campagna vaccinale ne risentirebbe inevitabilmente.

Stop Johnson & Johnson, possibile limitazione per età

Dal momento che i casi di trombosi restano molto rari, è probabile in ogni caso che le autorità confermino l’utilizzo del farmaco, magari con qualche indicazione ulteriore sull’età, come accaduto con AstraZeneca, il sui uso è raccomandato per gli over 60. “Alcune limitazioni sono possibili e ragionevoli”, ha spiegato il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini al Tg1, “e sarà probabilmente la direzione verso la quale ci si muoverà tutti assieme”.

Ma il parere di Alessio D’Amato, assessore alla Salute della Regione Lazio, in questo senso non è ottimistico: “Se si raccomanda Johnson & Johnson agli over 60 dimezziamo la campagna vaccinale, questa situazione rischia di avere un impatto enorme sul numero di vaccini che potremo fare“, è la sua previsione. L’intento, infatti, era distribuire le fiale di Johnson & Johnson (facilmente trasportabili) alle farmacie, per rendere più capillare la somministrazione sul territorio. Ma gestire un caso avverso al di fuori di una struttura ospedaliera potrebbe essere complicato.

Leggi anche: 1. Gli Usa sospendono il vaccino Johnson & Johnson: l’azienda rinvia le consegne in Europa /2. AstraZeneca, Ippolito: “Nessun vaccino è sicuro al 100% ma il Covid è 640 volte più pericoloso” /3. Vaccini: ora Pfizer alza da 12 a 19,5 euro il costo per ogni dose

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'orditoio gemello di quello che ha ucciso Luana era stato manomesso
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'orditoio gemello di quello che ha ucciso Luana era stato manomesso
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Cronaca / Sallusti si è dimesso da direttore de Il Giornale
Cronaca / "Beve 7 litri al giorno ma è disidratata": come sta la ragazza vaccinata per sbaglio 4 volte
Cronaca / Ddl Zan, il consigliere regionale leghista chiede alla Madonna di fermare la legge
Cronaca / Muore in un incidente: l'assicurazione risarcisce sia la moglie che l'amante
Cronaca / Roma, ragazzo drogato e violentato da due amici
Cronaca / Calabria, il dramma dei 7mila tirocinanti precari della P.a.: “Noi, ignorati da politica e sindacati”
Cronaca / “Lei consenziente, doveva essere un gioco”: i verbali dell’interrogatorio di Ciro Grillo