Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Inchiesta su estrema destra, perquisizioni in tutta Italia, 19 indagati: “Pronti a costituire partito nazista”

Immagine di copertina

L'indagine, denominata "Ombre nere", è stata svolta dalla Digos di Enna

Inchiesta su estrema destra, 19 indagati: “Pronti a costituire partito nazista”

Nella mattinata di giovedì 28 novembre, è stata effettuata una vasta operazione della Digos nell’ambito degli ambienti dell’estrema destra, il cui bilancio è di 19 indagati, i quali, secondo l’inchiesta, erano pronti a “costituire un partito nazista”.

Le indagini sono state svolte dalla Digos di Enna con il coordinamento della Direzione Centrale della polizia di Prevenzione.

Le perquisizioni, che hanno riguardato 19 soggetti legati agli ambienti dell’estrema destra, e che attualmente risultano indagati per costituzione e partecipazione ad associazione eversiva ed istigazione a delinquere, sono state eseguite in diverse zone d’Italia da Nord a Sud.

Armi da guerra, fucili d’assalto, un missile aria-aria: sequestrato arsenale ad estremisti di destra in diverse città del Nord Italia. Tre arresti

I decreti di perquisizione domiciliare, eseguiti nell’ambito dell’inchiesta denominata “Ombre nere”, sono stati emessi dalla Procura Distrettuale di Caltanissetta d’intesa con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo.

Secondo le indagini della Digos, gli indagati volevano costituire un movimento d’ispirazione apertamente filonazista, xenofoba ed antisemita denominato “Partito Nazionalsocialista Italiano dei Lavoratori”.

Il gruppo, inoltre, cerca di creare un’alleanza transnazionale tra i movimenti d’ispirazione “nazionalsocialista” di Portogallo, Italia Francia e Spagna. Motivo per cui alcuni degli indagati hanno partecipato alla “Conferenza Nazionalista” che si è svolta lo scorso 10 agosto a Lisbona.

Alcuni degli accusati, inoltre, avevano fatto riferimento a una disponibilità di armi ed esplosivi, oltre a condurre attività di reclutamento e addestramento dei militanti attraverso i propri account social e in particolare tramite una chat chiusa denominata “Militia”.

Tra i 19 indagati, inoltre, c’è anche un pluripregiudicato calabrese, ex “legionario” ed esponente di spicco della ‘ndrangheta, con un passato da collaboratore di giustizia e già referente di Forza Nuova per il ponente ligure.

Estremismo di destra e neonazismo sono un problema serio in Italia, ma non gliene frega niente a nessuno
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Milano, arriva il primo palazzo “Net carbon zero” che si comporta come un albero
Cronaca / Aereo ultraleggero precipita nel mantovano: un morto e tre feriti gravi
Cronaca / Milano, calci e schiaffi a una bimba di 8 mesi: è gravissima. Fermato il compagno della madre
Cronaca / Bollette da 500mila euro, chiude storica catena d’hotel in Puglia: “Trecento dipendenti a casa”
Cronaca / Cosenza, uccide l’ex compagna a colpi di pistola e si suicida: avevano una figlia
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”