Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“L’odio non mi appartiene”: l’emozionante monologo di Ilaria Cucchi a Propaganda Live | VIDEO

Immagine di copertina

Il monologo di Ilaria Cucchi a Propaganda Live: “L’odio non mi appartiene”

“L’odio non mi appartiene”: con un toccante monologo andato in scena a Propaganda Live, la trasmissione di La7 in onda nella prima serata di venerdì 9 aprile, Ilaria Cucchi ha riassunto in pochi minuti la vicenda del fratello Stefano, dopo le recenti condanne per omicidio preterintenzionale e per i depistaggi messi in atto da alcuni componenti dell’Arma dei Carabinieri subito dopo la morte del ragazzo.

“Abbiamo vinto noi, abbiamo vinto tutti noi. Ha vinto lo Stato” ha esordito Ilaria Cucchi commentando le recenti sentenze prima di iniziare il suo monologo.

“Stefano, te lo giuro, non finisce qui. Questo gli avevo detto davanti al suo cadavere. Non avevo la minima idea allora di cosa mi e ci aspettasse, ma qualsiasi cosa sarebbe successa, io sarei andata avanti” ha dichiarato Ilaria Cucchi.

“Avevo totale fiducia nella giustizia, ho continuato ad averla, anche nei momenti più difficili, ma alla fine non è andata delusa. La rabbia e l’intima consapevolezza di essere dalla parte della ragione mi hanno dato la forza. Lunedì i responsabili della morte di Stefano sono stati definitivamente condannati per questo, dopo 15 gradi di giudizio, oltre 150 udienze”.

“Da tutto questo io mi sento una superstite, insieme ai miei genitori e a Fabio (avvocato e compagno di Ilaria Cucchi n.d.r.). L’odio non mi appartiene, ne sono fiera. Sono ancora capace di distinguere tra i condannati di ieri, le loro responsabilità. Uno, uno solo continuerò a rispettare: il luogotenenete Colombo Labriola, che ha avuto il coraggio di dire la verità durante tutto il processo”.

“Per tutti gli altri, freddi e compassati, sequestrati da un’idea malsana del prestigio dei gradi delle loro divise, spero tanto, per il bene dell’Arma, che vengano loro tolte. Lo dico da sorella del morto, ma soprattutto da cittadina che ritengo di essere a pieno titolo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Cronaca / Firenze, disoccupato trova per terra 1000 euro e li restituisce alla polizia
Cronaca / Scopre che lo stage non è retribuito, ragazza lancia i posacenere e scappa
Cronaca / Covid, 44.489 casi e 148 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / “Una notte di sesso in cambio della pace”: il messaggio di Cicciolina a Putin per fermare la guerra in Ucraina
Cronaca / “In Italia in molti ospedali il 100% dei ginecologi non pratica l’aborto”: la denuncia dell’Associazione Coscioni
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO