Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Guardacoste morto per salvare due ragazzi, il cognato: “Mandato in mare allo sbaraglio”

Immagine di copertina
Aurelio Visalli

“Aurelio Visalli e i suoi colleghi sono stati mandati allo sbaraglio, non avevano nemmeno i salvagente. Ci sono responsabilità molto gravi per quello che è accaduto”. Il cognato di Aurelio Visalli, il sottufficiale della Guardia costiera morto dopo essersi gettato in mare al largo di Milazzo per salvare due ragazzi in pericolo, denuncia la mancanza di equipaggiamento che potrebbe essere stata decisiva nel determinare la morte del guardacoste.

Antonio Crea, comandante dei vigili urbani di Venetico, in Sicilia e cognato di Visalli, intervistato dal Tgr Rai Sicilia, ha raccontato: “Non potevano uscire con la motovedetta e li hanno mandati in mare senza equipaggiamento, con la divisa normale, solo con un salvagente con la cordicella”. I militari “per non bagnare la divisa si sono gettati in acqua in mutande. Hanno tentato di lanciare il salvagente per salvare la persona difficoltà che è riuscita a tornare a riva. Dei tre, uno è rimasto travolto dalle onde: è scomparso e nessuno l’ha cercato sul momento…”.

“Ad un certo punto mio cognato è stato investito dalle onde e nessuno lo ha più visto”, ha raccontato Crea, lamentando poi anche la mancanza di ricerche tempestive per salvarlo. La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un fascicolo sulla morte del Secondo Capo della Guardia costiera, che si era tuffato insieme a due colleghi dopo l’allarme per due ragazzi in pericolo. Gli adolescenti avevano deciso di gettarsi in acqua nonostante il mare in burrasca e le alte onde. Il sottufficiale di Venetico era sposato e padre di due figli.

Leggi anche: Il vergognoso post di uno dei ragazzi salvati in mare da Arturo Visalli: “Nessuno si è buttato per me”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”
Cronaca / Bus turistici: incentivi per andare verso mezzi green
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Cronaca / Il metallaro Pillon a duello con i Maneskin: “Io suonavo roba più dura”
Cronaca / In due settimane triplicate le classi in quarantena in Lombardia. Sono quasi mille