Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Un gommone con 50 migranti è sparito nel Mediterraneo: l’ultimo SOS inviato ieri sera

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Credit: Getty Images

Un’imbarcazione con a bordo 50 migranti è sparita nel nulla nel mar Mediterraneo dopo aver lanciato una richiesta di soccorso al numero di Alarm phone.

Le ultime notizie sul barcone risalgono al primo aprile, quando i migranti hanno contattato il sito per indicare le loro coordinate e chiedere aiuto.

Ricevuta la richiesta, Alarm phone ha cercato di contattare la Guardia costiera libica per fornire alle autorità le informazioni in suo possesso, ma non avendo ottenuto risposta ha inviato la segnalazione alla sala operativa di Roma.

Le autorità italiane hanno risposto fornendo ad Alarm phone un altro numero dei libici. Anche in questo caso non c’è stata risposta.

La Ong Open Arms ha intanto rilanciato la richiesta di aiuto del barcone, non potendo intervenire direttamente perché bloccata nel porto di Barcellona.

“La Libia non risponde, l’Italia non risponde, nessuno coordina i soccorsi, nessuna nave, non c’e nessuno. Quanti morti costeranno queste elezioni europee?”, si legge in  un tweet della Ong spagnola.

Nello stesso giorno anche la Sea Watch annuncia di essere ancora ferma nel porto a causa dell’Olanda, paese di cui batte bandiera e che ha modificato alcune norme per impedire alla nave umanitaria di prendere nuovamente il largo.

Il 23 marzo un’altra imbarcazione era partita da Sabrata, in Libia, con a bordo 41 migranti: il gommone non ha mai raggiunto le coste europee e non sembra sia stato recuperato dalla Guardia costiera libica.

Da quel giorno non si sono avute altre informazioni sulle sorti dell’imbarcazione e si teme ormai che tutti i suoi occupanti siano morti nel Mediterraneo. Anche in questo caso nessuna Ong ha potuto fornire soccorso.

“Hanno scelto di far diventare quel tratto di mare un deserto. Potevano esserci delle navi civili europee che avrebbero potuto salvare queste persone. Oltre a loro sarebbero potuti intervenire degli assetti navali militari, che avrebbero potuto arrivare sul posto in poche ore”, aveva dichiarato a TPI Giorgia Linardi, portavoce della Ong Sea Watch.

>>La Commissione Ue smentisce Salvini: no, la Libia non è mai stato un “porto sicuro”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Cronaca / Defibrillatori ovunque: la video-petizione di Sammy Basso per approvare il Ddl 1441
Cronaca / Parma, 18enne trovato morto con ferite d'armi da taglio
Cronaca / Nasce Cento Incroci, un centro culturale nei locali dell'ex Pecora Elettrica
Cronaca / Raduno fascista per Ramelli: centinaia di persone fanno il saluto romano | VIDEO
Cronaca / Morgan cade dal monopattino e si frattura due costole: “Colpa di un tombino”
Cronaca / A Busto Arsizio un operaio muore schiacciato da un tornio meccanico
Cronaca / AstraZeneca, 2 milioni di dosi ferme nei frigo delle regioni: al Sud un cittadino su due vuole un altro vaccino