Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Giustizia è stata fatta, ma manchi ancora come il primo giorno”: il messaggio della famiglia di Willy a due anni dalla sua morte

Immagine di copertina

Dopo due anni dal brutale omicidio di Willly Monteiro davanti a un locale di Colleferro, la sua famiglia lascia un messaggio sulla pagina Facebook dove parenti e conoscenti condividono il ricordo del giovane ragazzo, pestato a morte a 21 anni per aver difeso un amico durante una discussione al bar:

“Ciao caro Willy,

sono già passati due anni, ma manchi ancora come il primo giorno.
Due anni senza i tuoi scherzi, i tuoi sorrisi, le tue coccole, le tue battute e soprattutto senza i tuoi abbracci.
Hai visto che bel messaggio che hai lasciato su questa terra? Quante persone ti pensano e pregano per te. Tante le dediche, gli eventi e le piazze.
Il primo passo per avere giustizia è stato fatto speriamo la sentenza rimanga invariata così potrai riposare in pace.
Manchi tantissimo nostro Willy. Sarai sempre e per sempre nel nostro cuore ❤️
La tua famiglia”
Il messaggio fa riferimento alla sentenza emessa il 4 luglio dalla Corte di Assise del Tribunale di Frosinone che ha condannato all’ergastolo i fratelli Bianchi, i patiti di Mma che si erano accaniti sul ragazzo in quella notte di sabato 5 settembre 2020. Lo avevano picchiato per 50 secondi con “smisurata violenza” secondo il pm, sferzando colpi tecnici, insieme agli altri due imputati Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, condannati rispettivamente a 21 e 23 anni di reclusione.
Il ricordo dell’omicidio del giovane cuoco palianese in una via affollata, nel contesto spensierato di un sabato sera, fa eco a un’estate che non è stata priva di episodi simili, durante i quali sfoghi di violenza si sono abbattuti su persone finite lì per caso, come è successo ad Alika Ogorchukwu, ucciso a Civitanova Marche e a Davide Ferrerio, finito in coma dopo essere stato aggredito a Crotone ad agosto.
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Metti il guinzaglio al tuo cane”: il proprietario reagisce e lo pesta in pizzeria davanti ai figli
Cronaca / Sta male dopo la cena, la madre la trova senza vita: Giuliana muore a 40 anni
Cronaca / Gallipoli, paura al lunapark: cede parte di una giostra. Diversi ragazzi feriti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Metti il guinzaglio al tuo cane”: il proprietario reagisce e lo pesta in pizzeria davanti ai figli
Cronaca / Sta male dopo la cena, la madre la trova senza vita: Giuliana muore a 40 anni
Cronaca / Gallipoli, paura al lunapark: cede parte di una giostra. Diversi ragazzi feriti
Cronaca / “Stressato dal Covid”, la Cassazione annulla l’ergastolo per l’infermiere che uccise compagna
Cronaca / Meteo: settimana all’insegna del calo delle temperature e del ritorno delle piogge
Cronaca / Giornalista aggredito a Torino: identificati due militanti di CasaPound
Cronaca / Coppia gay picchiata a Roma, gli aggressori: “Non sapevamo fossero omosessuali”
Cronaca / Influencer precipita da 90 metri mentre fa un post per Instagram: muore a 27 anni
Cronaca / Flavio Briatore: “Come fa una famiglia a vivere con 4mila euro al mese?”. È polemica | VIDEO
Cronaca / Flavio Briatore attacca la Puglia: “Ombrellone e lettini a 60 euro come a Montecarlo, è una follia”