Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Civitanova Marche, ambulante nigeriano ucciso con una stampella: aveva fatto apprezzamenti su una donna

Immagine di copertina

Aveva fatto apprezzamenti su una donna. Con questi futili motivi è stato massacrato e ucciso un ambulante nigeriano, che accompagnava la giovane. L’uomo lo ha preso a bastonate con una stampella fino ad ucciderlo. È accaduto oggi, 29 luglio, verso le 14 lungo corso Umberto a Civitanova Marche, in pieno centro. La Croce Gialla di Recanati ha prestato i primi soccorsi al ferito ma purtroppo per lui non c’è stato nulla da fare. L’aggressore sarebbe già in stato di fermo. Sul posto gli uomini della Squadra mobile della Questura di Macerata e il magistrato Claudio Rastrelli. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima si chiamava Alika Ogorchukwu, un ambulante 39enne nigeriano, mentre l’aggressore è un italiano di origini campane.

Il fermato avrebbe detto agli agenti: “Ha importunato la mia fidanzata”; tra i due ci sarebbe stato prima un diverbio, finito poi con i colpi ripetuti di stampella che hanno ucciso lo straniero. Il tutto davanti a diverse persone, visto che la brutale aggressione è avvenuta lungo il corso principale della cittadina marchigiana. Le forze dell’ordine stanno ascoltando diversi testimoni. Secondo alcuni negozianti, l’ambulante era una presenza abituale in quella zona e sarebbe stata sua la stampella usata per colpirlo. Ogorchukwu abitava a San Severino ma spesso si spostava sulla costa, in cerca di qualche spicciolo in più.

Ulteriori elementi potrebbero arrivare dalle telecamere dei sistemi di sicurezza della zona, ma è possibile che i passanti abbiano registrato dei video, tramite i quali sarà possibile avere una ricostruzione precisa della dinamica. Alika Ogorchukwu, raccontano i cittadini di Civitanova, era una persona gentile e calma che non avrebbe potuto mai provocare un’ira così violenta da scatenare una lite finita in omicidio. Pare che il nigeriano non avesse precedenti penali e usava la stampella a seguito delle ferite riportate in un incidente stradale.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici
Cronaca / La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”
Cronaca / Jovanotti risponde al professor Tozzi: “Li ho chiamati eco–nazisti perché lo sono”
Cronaca / Roma, pedina la moglie tramite Gps e aggredisce l’amante con nove coltellate al torace: la vittima è in coma