Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Chiedo perdono, Cosa Nostra è una fabbrica di morte”: il video inedito di Brusca dal carcere

brusca
Giovanni Brusca, il 21 maggio 1996, esce dalla Questura di Palermo per essere condotto in carcere dopo la sua cattura. Credit: ANSA

A due giorni dalla contestata scarcerazione di Giovanni Brusca, spunta un video inedito girato cinque anni fa nel quale, dal carcere, l’ex boss mafioso chiede “scusa” e “perdono” per il dolore che ha provocato. Il filmato, girato dal documentarista francese Mosco Levi Bocault, è stato pubblicato per la prima volta oggi, mercoledì 2 giugno 2021, in esclusiva sul sito online del Corriere della Sera.

“Ho deciso di rilasciare questa intervista per fare i conti con me stesso e per chiedere scusa e perdono a tutti i familiari delle vittime a cui ho provocato tanto dolore e tanto dispiacere. Spero di essere capito”, dice Brusca – a volto coperto – nel video.

“Chiedo scusa principalmente a mio figlio e a mia moglie, che per causa mia hanno sofferto e stanno pagando anche indirettamente le mie scelte di vita, prima da mafioso e poi da collaboratore di giustizia”.

Arrestato nel 1996, l’ex boss di Cosa Nostra – fedelissimo di Totò Riina – ha confessato un centinaio di omicidi, tra i quali spiccano la strage di Capaci – in cui morì il giudice Giovanni Falcone insieme alla moglie e tre uomini della scorta – e l’uccisione di Giuseppe Di Matteo, il figlio 11enne del pentito Mario Santo Di Matteo, strangolato e sciolto nell’acido.

Dal 2000 Brusca è un pentito ha iniziato a collaborare con la giustizia: una scelta che gli ha consentito di accedere a uno sconto di pena e, due giorni fa, di uscire dal carcere dopo 25 anni di detenzione (ora sarà sottoposto a controlli e protezione e a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d’Appello di Milano).

“Ho cercato di dare il mio contributo il più possibile e dare un minimo di spiegazione ai tanti che chiedono verità e giustizia”, sottolinea Brusca nel video dal carcere.

“Purtroppo – aggiunge – nel nostro Paese chi collabora con la giustizia viene sempre denigrato, disprezzato, quando invece credo che sia una scelta di vita importantissima morale, giudiziaria e soprattutto umana perché consente di mettere fine a questo”, cioè a Cosa Nostra. “Io chiamo Cosa Nostra una catena di morte, una fabbrica di morte, né più né meno. Un’agonia continua”, conclude Brusca.

Il video in questione – reso pubblico oggi – risale a cinque anni fa, quando il regista Levi Bocault riuscì a intervistare Brusca dal carcere nell’ambito del film documentario “Corleone”, prodotto da Arte France e Zek e presentato al Festival del Cinema di Roma nel 2018. Nel documentario il pentito rivela alcune circostanze su Cosa Nostra, ma, prima di iniziare l’intervista vera e propria, aveva chiesto e ottenuto di registrare questo video-messaggio di scuse.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”