Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Non smettevano più, pensavo di morire”. Il racconto del giornalista picchiato dalla polizia a Genova

Immagine di copertina
Scontri tra polizia e antagonisti al comizio di Casapound. Credit: ANSA/LUCA ZENNARO

Stefano Origone, cronista di Repubblica, è stato preso a manganellate da un gruppo di agenti al comizio di Casapound

Giornalista picchiato Genova | “Mi trovavo in piazza Corvetto, all’angolo con via Serra, l’unica via di uscita di una piazza completamente blindata dai mezzi della polizia e dagli agenti in tenuta antissommossa”. Inizia così il racconto di Stefano Origone, il giornalista di Repubblica, picchiato dalla polizia a Genova.

Il cronista, che stava seguendo per il giornale il comizio di Casapound e gli scontri con gli antagonisti, ha riportato un trauma cranico, costole e dita fratturate.

Origone ha raccontato ai giornali del Gruppo Gedi, di cui fa parte anche Repubblica, come sono andati i fatti.

Giornalista Repubblica picchiato Genova

“Era una buona posizione, per osservare i contatti tra a polizia e i manifestanti, c’erano già state cariche, ma mi sentivo tranquillo, proprio perché alle spalle avevo la via di fuga. E poco prima la polizia era anche arretrata”.

“Poi non so cosa sia scattato, non ricordo l’innesco della follia. Mi hanno detto poi che i poliziotti hanno visto un ragazzo vestito di nero e hanno lanciato la carica. So che mi sono arrivati addosso, intorno a me non c’era quasi nessuno, ero in un punto defilato. Li ho visti arrivare, avevo il cellulare in mano perché stavo facendo qualche foto, mi sono ulteriormente spostato. Ma mi sono arrivati addosso. Ho cominciato a scappare, ma non ne ho avuto il tempo”.

Origone ha cominciato a urlare: “Sono un giornalista! Sono un giornalista!”, ma gli agenti hanno continuato, fino a quando non è intervenuto un poliziotto che il cronista conosceva da tempo, Giampaolo Bove, che ha detto ai colleghi di fermarsi.

> I poliziotti hanno picchiato un innocente al comizio di CasaPound. Ma gli è andata male: era un giornalista

“A un certo punto è arrivato un poliziotto, Giampiero Bove, che conosco da molto tempo: si è buttato sul mio corpo, con il casco: “Fermatevi, fermatevi, cosa state facendo, è un giornalista, fermatevi”, ha gridato. Mi ha salvato. Gli sarò per sempre grato. E, come automi, gli agenti hanno smesso e se ne sono andati. Come se il loro furore fosse stato spento, con un clic”.

A seguito di quanto accaduto il questore di Genova Vincenzo Ciarambino si è scusato con Origone. L’Ong Amnesty International ha rilanciato il suo appello per inserire i codici identificativi sui caschi della polizia, strumento che permetterebbe di individuare agevolmente i responsabili delle violenze.

“Il pestaggio del giornalista Stefano Origone de la Repubblica e gli episodi registrati a Genova e recentemente in altre città dimostrano quanto, ora più che mai, sia necessario introdurre #codiciidentificativi per le forze di polizia impegnate in operazioni di mantenimento dell’ordine pubblico”, si legge nel post Facebook di Amnesty International – Italia.

Qui sotto il video delle cariche della polizia a Genova:

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Stop mascherine all’aperto, via libera dal Cts: indicate due date al Governo
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Stop mascherine all’aperto, via libera dal Cts: indicate due date al Governo
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta