Il ginecologo sbaglia a sterilizzare, condannato a mantenere il figlio

Di Anna Ditta
Pubblicato il 21 Lug. 2020 alle 11:39
10
Immagine di copertina

L’intervento di sterilizzazione non era stato eseguito correttamente dal ginecologo, e neanche due anni dopo l’operazione era nato un figlio. Per questo motivo, come riporta l’agenzia Agi, il tribunale di Brescia ha condannato l’ospedale a saldare le spese sostenute da una coppia per crescere il neonato.

I due non volevano figli e hanno chiesto al ginecologo l’intervento per evitare gravidanze indesiderate. Ma il medico ha sbagliato l’operazione. Per questo, dopo aver avuto il bambino, madre e padre hanno intentato la causa nei confronti dell’ospedale.

Ora i giudici hanno condannato l’azienda ospedaliera a versare alla coppia poco più di 92mila euro, frutto della moltiplicazione di 300 euro al mese per tutti i mesi fino al compimento del 25esimo anno di età del quarto erede. Secondo i consulenti tecnici del giudice, l’intervento di sterilizzazione non fu eseguito correttamente e quindi è scattata la condanna.

Leggi anche: 1. L’Italia post-Covid si risveglia povera e gli italiani hanno fame: reportage da Brescia /2. “Non voglio figli e mi sterilizzo”: i giovani italiani del movimento Childfree /3. Un chirurgo spiava le pazienti in intimo, le filmava di nascosto e le palpeggiava durante le sedute mediche

10
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.