Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Un chirurgo spiava le pazienti in intimo, le filmava di nascosto e le palpeggiava durante le sedute mediche

I giudici della quinta sezione penale lo hanno riconosciuto colpevole sia di violenza sessuale che di pornografia minorile

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 14 Dic. 2018 alle 10:55 Aggiornato il 14 Dic. 2018 alle 11:12
0
Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Spiava le sue pazienti mentre si spogliavano e poi, con la scusa della visita, le palpeggiava. Un medico romano è stato condannato a sei anni e quattro mesi di carcere e alla pena accessoria di due anni e mezzo di sospensione dalla professione.

Il chirurgo, specializzato in medicina estetica, approfittava delle sedute di linfodrenaggi e trattamenti vari per molestare le donne che si recavano negli studi in cui lavorava. Il medico è finito ai domiciliari nel marzo del 2017, quando è stato denunciato da cinque pazienti visitate in un centro polispecialistico di piazza Bologna e in un altro in zona Talenti, a Roma.

A casa del medico, inoltre, gli inquirenti hanno trovato anche materiale pedopornografico. Il chirurgo conservava nel proprio pc i video delle sue pazienti: le donne, in intimo, venivano spiate negli studi medici grazie a delle microtelecamere di cui il medico si serviva, inserite negli occhiali e in una radiosveglia.

L’uomo davanti ai giudici ha confessato tutto e ha pattuito un risarcimento di 80mila euro con quattro delle pazienti. I giudici della quinta sezione penale lo hanno riconosciuto colpevole sia di violenza sessuale che di pornografia minorile. Ad aggravare la sua posizione un episodio denunciato da una paziente: durante una seduta, il medico avrebbe iniziato a palpeggiarle il seno.

“Nessuno scopo di abusi. Al massimo carezze inopportune. Chiedo scusa”, ha cercato di difendersi il medico. A firmare la prima segnalazione è stata una impiegata, che, come si legge nel mandato di arresto del gip Livio Sabatini, su richiesta del pm Eugenio Albamonte, era rimasta disgustata “dai ripetuti toccamenti degli organi genitali”.

Leggi anche: Infermiere abusa di una disabile, ma viene tradito dalle foto hard sul cellulare

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.