Coronavirus, furto all’ospedale di Napoli Loreto Mare: rubati mascherine, camici e tute

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 27 Mar. 2020 alle 10:09 Aggiornato il 27 Mar. 2020 alle 10:22
5.6k
Immagine di copertina

Coronavirus, furto all’ospedale di Napoli: rubati mascherine, camici e tute

Nel momento in cui l’Italia ha più bisogno di mascherine, camici e tute c’è chi approfitta dell’emergenza per compiere furti a dir poco vili: è successo all’ospedale Loreto Mare di Napoli, dove di notte, al pian terreno della struttura, sono stati rubati questi strumenti e anche oggetti privati. Un furto imprevedibile, messo a segno mentre il nuovo centro di riferimento sta faticosamente partendo, da balordi probabilmente intenzionati a impadronirsi di materiale specifico anti-Covid-19. Un errore di valutazione, visto che i presìdi di sicurezza sono custoditi in un locale attiguo alla Rianimazione.

Ad accorgersi del furto sono stati gli infermieri che durante il cambio turno hanno trovato gli armadietti scassinati. Sul fatto sta indagando la polizia. Ieri nel reparto Rianimazione dell’ospedale erano ricoverati otto pazienti, trasferiti da altri ospedali con diagnosi di certezza. Mancano ancora due posti letto. Al completo invece il primo piano appena ristrutturato. Accoglie 10 pazienti Covid, in buone condizioni. Le camere, singole o a due letti, sono state riallestite grazie all’impegno di 75 operai che hanno lavorato giorno e notte, trasformando le vecchie corsie del Loreto. Ogni stanza è dotata di un circuito telefonico interno che permette di comunicare con il personale della Medicheria. Dopo l’apertura della Rianimazione e del reparto degenze, ai primi di aprile dovrebbe partire la Terapia subintensiva.

QUI TUTTI I NUMERI SUL CORONAVIRUS NEL MONDO

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus, i numeri in Italia non tornano. Contagi troppo bassi e decessi troppo alti

3. La fiera del gelato di Rimini a gennaio e quegli stand di Wuhan e Codogno nello stesso padiglione (di Selvaggia Lucarelli) / Chapeau, Mario Draghi: hai spiegato ai tedeschi che col loro ottuso rigorismo, in questa battaglia si muore (di Luca Telese)

TUTTE ULTIME LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

5.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.