Franco Locatelli (Css): “L’epidemia non è finita e il Coronavirus non ha perso potenza”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 12 Lug. 2020 alle 10:01 Aggiornato il 12 Lug. 2020 alle 10:03
682
Immagine di copertina
Il presidente del CSS Franco Locatelli Credits: ANSA

Franco Locatelli: “Non ne siamo fuori, il Coronavirus non ha perso potenza”

“Non siamo fuori dall’epidemia e il Coronavirus non ha perso potenza”: lo dice chiaro e tondo Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e membro del Comitato tecnico scientifico, in un’intervista al quotidiano La Repubblica. Secondo l’esperto: “Non ne siamo fuori. Lo dimostrano i numeri che vediamo ogni giorno, lo dimostrano i cluster che si sono verificati in varie aree, da Mondragone a Palmi, dal Veneto a Bologna. Dobbiamo dare un messaggio forte: ovviamente e felicemente siamo usciti dal quadro drammatico, ma non siamo fuori dal problema epidemia da Coronavirus”.

Il medico, poi, spiega anche il perché il virus in questo momenti circola di meno: “Ricordiamoci che siamo nei mesi climaticamente favorevoli, va sfruttato al meglio questo periodo per ridurre sempre più la circolazione del virus, perché arriveranno mesi tardo-autunnali e invernali con condizioni climatiche che favoriscono la circolazione dei virus respiratori. E il Sars-CoV-2 non fa eccezione”. Per Locatelli, inoltre, il Covid-19 non ha perso potenza come sostengono anche alcuni suoi colleghi. “È esattamente lo stesso, ha la stessa patogenicità, però è normale aver casi meno gravi nelle fasi discendenti della curva epidemica. In più, si intercettano e si circoscrivono prima i focolai e gli anziani sono mantenuti più protetti rispetto a febbraio e marzo. Vediamo tanti asintomatici, ma basta pensare al caso dell’imprenditore vicentino, ricoverato intubato in rianimazione, per avere evidenze del fatto che il virus può ancora provocare danni importanti”.

Per quanto riguarda i numeri dell’epidemia, che emergono quotidianamente dai bollettini, Locatelli spiega: “La curva è certamente in flessione ma non tende a zero. Tra l’altro se si guarda l’ultimo periodo stiamo sempre tra i 100 e i 200 casi, se non oltre. Non è nel mio stile fare allarmismi ma non possiamo nemmeno essere così superficiali da dire che siamo nella fase che porta all’estinzione dell’epidemia”. Sulla decisione del governo di prorogare lo stato di emergenza, il medico afferma: “Premetto che questa scelta spetta alla politica, al Parlamento che è sovrano. Io credo che mantenere lo stato di emergenza ci permetta una maggior capacità di essere reattivi, di mettere in atto tutte le misure che servono a gestire adeguatamente la situazione pandemica, dalla quale non siamo usciti, soprattutto nel caso ci fosse una crescita del numero di casi. Questa ovviamente è la mia posizione come cittadino. Se poi tra tre mesi davvero non avremo più malati e il virus si sarà estinto, cosa di cui dubito molto, si è sempre in tempo a cambiare. Non è una scelta scolpita nella pietra”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, i familiari delle vittime scrivono a Ue e Cedu: “Crimini contro l’umanità nella gestione dell’emergenza in Lombardia” / 2. Aumentano i focolai di Coronavirus nelle ditte di spedizione, le indicazioni dell’Iss per chi riceve i pacchi / 3. Coronavirus, l’allarme di un infermiere di Cremona: “Abbiamo ricominciato a ricoverare pazienti Covid gravi”. Ma l’ospedale smentisce

4. Bergamo, dopo 4 mesi la terapia intensiva è Covid-free: nessun paziente ricoverato / 5. Gli specializzandi non medici in prima linea contro il Covid: “Noi considerati camici di serie B” / 6. Giovani, risorse da sfruttare ma non stabilizzare. E anche dopo il Covid il Governo li ignora

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

682
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.