Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Finti Vaccini, a processo l’assistente sanitaria sospettata di averli somministrati a bambini (a Udine e Treviso)

Immagine di copertina

FINTI VACCINI – E’ stata rinviata a giudizio l’assistente sanitaria trevigiana di 32 anni di Spresiano (in provincia di Treviso) sospettata di aver finto la somministrazione dei vaccini ad alcuni bambini, prima nel distretto sanitario di Codroipo (Udine) dell’azienda sanitaria del Medio Friuli e poi nell’Usl 2 di Treviso.

L’assistente è stata rinviata a giudizio dal gruppo del tribunale di Udine. Il processo comincerà il 24 settembre davanti al tribunale in composizione collegiale.

Finti vaccini | Assistente sanitaria a processo

Stamattina era ripresa nella tarda mattinata, davanti al gup del tribunale di Udine Daniele Faleschini Barnaba, l’udienza preliminare a carico dell’assistente sanitaria.

Il processo era stato sospeso alla scorsa udienza, il 21 dicembre, in attesa della decisione della Corte di Cassazione – su richiesta della difesa che aveva presentato una istanza specifica – di rimessione del processo ad altro tribunale. Per la difesa, infatti, sussistevano “motivi di legittimo sospetto”, per il “clamore mediatico senza precedenti” sviluppatosi intorno alla vicenda e per il “malcontento dei genitori” che, a giudizio dei difensori, avrebbero contribuito a creare un clima tale da “condizionare pesantemente le sorti del processo”.

Il ricorso è stato respinto ad aprile dagli Ermellini che hanno invece considerato l’imparzialità del giudice e stabilito che il processo può essere celebrato a Udine. Si è ripartito dunque dall’udienza preliminare. Nel corso del processo si erano già costituite parte civile le due aziende sanitarie e le famiglie di alcuni bambini.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata argomentata oggi dal pm Claudia Danelon. Alla richiesta si sono associati anche i legali delle parti civili costituite, le aziende sanitarie da un lato e i familiari di alcuni dei bambini dall’altro.

La difesa ha chiesto invece una sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste o per non averlo commesso o, in subordine, perché gli elementi acquisiti risultano insufficienti, contraddittori o comunque non idonei a sostenere l’accusa in giudizio. Il giudice si è quindi ritirato in camera di consiglio. Più tardi è quindi arrivata la decisione del rinvio a giudizio.

L’assistente sanitaria trevigiana non era presente in aula.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Cronaca / 54enne muore per trombosi a 12 giorni dalla vaccinazione: aperta indagine per omicidio colposo
Cronaca / Milano, caso di variante “delta” in palestra: il contagiato aveva già completato il ciclo vaccinale
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato
Cronaca / Ventimiglia, uccide la ex in strada sparandole in auto. Il messaggio su Fb: “Non puoi nasconderti”
Cronaca / Barillari (ex M5s) su Eriksen: “Cadono come mosche per i vaccini”. Ma il danese non è vaccinato
Cronaca / Sparatoria Ardea, la madre del killer: “Viveva isolato, non si curava”