Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, ferite tre persone

Immagine di copertina
Il luogo dell'esplosione in piazza Libertà

Tra i feriti anche il direttore della Caritas diocesana, Carlo Mele

Esplosione palazzo vescovile Avellino, tre feriti

Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, oggi, 23 agosto, attorno alle 17. Tre persone sono rimaste ferite, e tra queste anche il direttore della Caritas diocesana, Carlo Mele. La polizia municipale ha fermato un uomo sulla quarantina sospettato di aver piazzato un ordigno rudimentale davanti al portone d’ingresso del Vescovado.

Le deflagrazioni, chiaramente avvertite dall’interno del Palazzo, sono state tre. Dai primi rilievi sembrerebbe che le esplosioni siano state provocate da tre bombole di gas da campeggio lasciate all’interno del palazzo.

Numerosi i curiosi che si sono radunati nella zona, attirati e spaventati allo stesso tempo per il boato e l’alta colonna di fumo nero che si è sprigionato.

Stando a quanto riportano i media locali, la persona fermata sarebbe un assistito della Caritas che da tempo frequenterebbe la Mensa Dei Poveri. Il responsabile dell’attentato, un disoccupato originario della provincia di Salerno, residente in Irpinia, dopo aver provocato le esplosioni, ha tentato di fuggire ma è stato bloccato da un agente della Polizia municipale e da un passante. Catturato, è stato poi trasferito in Questura.

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118, ma non si hanno ancora notizie sulle condizioni dei feriti. Sembra che il direttore della Caritas Carlo Mele sia rimasto ustionato alla caviglia. Anche gli altri feriti sarebbero ustionati.

Nel palazzo vescovile anche gli agenti della Digos della questura di Avellino e i carabinieri del comando provinciale di Avellino, oltre che i vigili del fuoco che stanno mettendo in sicurezza la zona.

Al momento dell’esplosione il vescovo, monsignor Arturo Aiello, era in sede. Si è detto “molto rammaricato” per l’episodio e si è accertato delle condizioni delle persone ferite. Il sindaco, Gianluca Festa, si è recato nella Curia per manifestare solidarietà a monsignor Aiello e ai feriti.

> Qui tutte le notizie di cronaca su TPI

***Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Cronaca / Vaccinato con doppia dose e di rientro dall'Africa: chi è il paziente "zero" della variante Omicron
Cronaca / Nessuno ne parla, ma nelle forze dell’ordine c’è un boom di suicidi
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%