Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Gli editori Fieg con il Ministero della Salute e la Presidenza del Consiglio per la diffusione dell’App Immuni

Di Redazione TPI
Pubblicato il 2 Ott. 2020 alle 11:21 Aggiornato il 3 Ott. 2020 alle 11:42
0
Immagine di copertina

“L’informazione quotidiana e periodica su carta e on line promuove l’utilizzo dell’app Immuni e conferma il proprio ruolo di servizio al pubblico, invitando a comportamenti attivi e virtuosi i lettori”. Andrea Riffeser Monti ha così commentato la collaborazione degli editori associati alla Fieg con il Ministero della Salute e la Presidenza del Consiglio dei Ministri per la diffusione dell’app Immuni.

“Negli ultimi mesi – ha ricordato il Presidente della Fieg – l’informazione ha svolto una importante attività – unanimemente riconosciuta – di contrasto alla pandemia con notizie corrette, verificate e attendibili. Un’informazione che raggiunge, su carta e on line, quasi 38 milioni di cittadini, il 70% della popolazione adulta.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza ed il Sottosegretario all’editoria Andrea Martella hanno invitato gli editori Fieg a collaborare per favorire la diffusione di Immuni, una app che, pur potendo fornire un aiuto per contenere la diffusione del Coronavirus, registra ancora un limitato utilizzo, tale da ridurne la sua stessa efficacia”.

“Ancora una volta – ha concluso Riffeser – gli associati Fieg sono in prima linea, non solo per offrire ai lettori e ai cittadini una informazione di qualità su carta e on line, ma anche per svolgere una fondamentale funzione di strumento di formazione di cittadini attivi e responsabili”.

Leggi anche: 1. Conte: “Proporremo la proroga dello stato d’emergenza fino a gennaio 2021” / 2. Covid, “Gli infetti sono 5. No, 8”. Corre la paura nelle chat WhatsApp dopo la notizia dei due senatori positivi / 3. Coronavirus, isolati due super anticorpi in grado di bloccarlo: lo studio

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.