Don Probo Vaccarini, il parroco di 100 anni con quattro figli preti

Di Donato De Sena
Pubblicato il 4 Giu. 2019 alle 08:48
0
Immagine di copertina

DON PROBO VACCARINI 4 FIGLI PRETI – È una storia senz’altro singolare quella di Don Probo Vaccarini, parroco di anni 100 di San Martino in Venti a Rimini. Nato nella città romagnola il 4 giugno 1919, il sacerdote ha quattro figli maschi e tutti e quattro fanno i preti.

Don Probo Vaccarini | Parroco di 100 anni | Padre di 4 figli preti

Come tutti i suoi coetanei Don Probo da giovane ha conosciuto l’orrore della guerra. Dopo essere tornato dalla Russia per molti anni ha fatto il geometra e ha messo su una famiglia numerosa con sette figli, di cui quattro maschi, tutti diventati sacerdoti. Dopo la scomparsa della moglie poi, all’età di 51 anni, ha deciso di impegnarsi ancora di più nella Chiesa, diventando accolito, poi diacono e sacerdote, ottenendo la guida della parrocchia di San Matteo in Venti.

Devoto di padre Pio, Don Probo Vaccarini ha raccontato di aver sentito la chiamata proprio durante una messa a San Giovanni Rotondo, località dove il frate cappuccino visse a lungo. È diventato sacerdote precisamente a 69 anni, nel 1988, con l’incoraggiamento dei figli. “Sono stato padre e marito, prima di diventare prete. Sacerdote, chi l’avrebbe mai pensato? Eppure mi sento come un prete fresco di ordinazione”, sono le sue parole.

> Le notizie di cronaca di TPI

A 30 anni dall’ordinazione e a 100 di età, nella sua parrocchia di San Martino in Venti, il prete celebra messa, funerali, matrimoni, battesimi, confessa. Per il suo compleanno si terrà una festa di tutta la diocesi riminese, molto legata all’anziano sacerdote. Al suo fianco non mancheranno i quattro figli: don Francesco (attualmente nella diocesi di Terni), don Giovanni (parroco a Miramare, frazione di Rimini), don Giuseppe (parroco a Borghi, nella provincia di Forlì Cesena) e don Gioacchino (a Montetauro, una frazione del comune di Coriano, sempre in provincia di Rimini).

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.