Discoteche chiuse, il Tar Lazio respinge il ricorso dei gestori dei locali: no alla riapertura

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 19 Ago. 2020 alle 10:27 Aggiornato il 19 Ago. 2020 alle 10:45
2k
Immagine di copertina

Discoteche chiuse, Tar Lazio respinge ricorso dei gestori dei locali

A tre giorni dalla decisione del Governo di imporre la chiusura delle discoteche a causa della nuova impennata di casi di Coronavirus in Italia, il Tar del Lazio ha respinto il ricorso dei gestori dei locali che protestano contro il provvedimento. Le discoteche, dunque, rimarranno chiuse. O meglio, come previsto dall’ordinanza firmata domenica 16 agosto dal ministro della Salute Roberto Speranza, continueranno a essere vietate tutte le “attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati”. In più, rimane valido l’obbligo di mascherina dalle 18 alle 6 nei luoghi pubblici in cui si determina il rischio di assembramenti.

Nel bilanciamento degli interessi la posizione dei ricorrenti, si legge nell’ordinanza del Tar, “risulta recessiva rispetto all’interesse pubblico alla tutela della salute nel contesto della grave epidemia in atto. Tale interesse costituisce l’oggetto primario delle valutazioni dell’amministrazione, caratterizzate dall’esercizio di un potere connotato da un elevato livello di discrezionalità tecnica e amministrativa in relazione alla pluralità di interessi pubblici e privati coinvolti e all’esigenza di una modulazione anche temporale delle misure di sanità pubblica nella prospettiva del massimo contenimento del rischio”. Quanto ai danni lamentati, la loro natura “ne consente in linea di principio la successiva reintegrazione anche per equivalente, nel caso che il giudizio abbia esito favorevole alla parte ricorrente”.

Si tratta di una decisione cautelare monocratica, in attesa di quella collegiale già fissata per la prima udienza utile, il 9 settembre. Niente da fare dunque per Silb-Fipe, associazioni delle imprese dell’intrattenimento da ballo e spettacolo, che avevano manifestato tutto il loro dissenso verso la decisione dell’esecutivo presentando ricorso al Tar del Lazio. “Non ci stiamo – aveva dichiarato il presidente di Silb, Maurizio Pasca – a fare il capro espiatorio. Hanno colpito noi, quando la movida è anche al di fuori dei locali. Si guardi che succede negli stabilimenti balneari e sulle spiagge è evidente che il problema non sono i locali da ballo”. Secondo il Tribunale amministrativo del Lazio, però, non ci sono gli estremi per modificare la decisione del Governo.

Leggi anche: 1. Coronavirus, le nuove decisioni del governo: discoteche chiuse in tutta Italia e mascherine anche all’aperto dalle 18 alle 6 / 2. Chiusura discoteche, Sileri a TPI: “Si è scelto il principio di massima precauzione” / 3. Santanché a TPI: “La mia discoteca resta aperta, l’unica cosa vietata è ballare” / 4. Discoteche chiuse, ricorso al Tar dei gestori dei locali: “Non siamo il capro espiatorio”

5. Il proprietario del Papeete a TPI: “La chiusura delle discoteche una mossa per sabotare la campagna elettorale” / 6. Dopo la denuncia di TPI sui mancati tamponi agli italiani positivi tornati da Mykonos, la replica di Ats Milano: “Raddoppieremo disponibilità” / 7. Covid, Crisanti a TPI: “Altro che discoteche, la vera mazzata dei nuovi casi arriverà con l’apertura delle scuole”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.