Coronavirus, le nuove decisioni del governo: discoteche chiuse in tutta Italia e mascherine anche all’aperto dalle 18 alle 6

Il governo ha deciso di chiudere i locali da ballo a causa dell'aumento dei contagi. Le mascherine saranno obbligatorie anche all'aperto nei luoghi dove non è possibile mantenere il distanziamento

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 16 Ago. 2020 alle 18:06 Aggiornato il 17 Ago. 2020 alle 09:36
10k
Immagine di copertina
Ingresso di una discoteca Credits: ANSA

Il governo ha deciso di chiudere in tutta Italia le discoteche e “qualsiasi luogo dove si tengono serate danzanti, dalle sale da ballo ai lidi a partire da domani, 17 agosto”. A far intervenire il governo sono stati gli oltre 600 contagi di ieri, la crescita costante dei numeri e i giovani ricoverati in condizioni severe.

Obbligo di mascherina anche all’aperto

La seconda decisione presa oggi dal governo riguarda una nuova stretta sull’uso della mascherina: “Dalle 18 alle 6, su tutto il territorio nazionale, l’uso delle mascherine torna obbligatoria anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti”, si legge nell’ordinanza.

La riunione governo-Regioni

La decisione, che avrà effetto almeno fino al 7 settembre è arrivata nel pomeriggio di domenica 16 agosto, dopo la riunione urgente convocata con il ministri di Sanità, Regioni e Sviluppo economico, Roberto Speranza, Francesco Boccia e Stefano Patuanelli e i governatori regionali.

Stretta nazionale

I ministri della Salute Speranza e degli Affari regionali Boccia avevano già avvertito i governatori che appena 48 ore fa avevano chiesto di non adottare alcun provvedimento lasciando alle singole Regioni la responsabilità di prendere misure più restrittive come hanno fatto Bonaccini e Zaia in Emilia-Romagna e Veneto disponendo che si potesse ballare solo con la mascherina e con i locali a capienza dimezzata.

Fino ad oggi solo Calabria e Basilicata avevano chiuso le discoteche, gli atri avevano ceduto alle istanze dei gestori dei locali che a luglio e in questi primi 15 giorni di agosto hanno cercato di riprendersi dopo il lungo lockdown con incassi di tutto rispetto. Ma la curva è in netto peggioramento e la priorità del governo è assicurare la riapertura delle scuole tra meno di un mese in sicurezza.

La preoccupazione dei lavoratori delle discoteche

Intanto il Silb (sindacato italiano locali da ballo) esprime preoccupazione per la questione economica. Col nuovo stop per le discoteche “sono a rischio quattro miliardi di euro”. A tanto ammonta infatti il fatturato annuale di questi esercizi in Italia. “Ad oggi solo il 10 per cento dei circa 3.500 locali ha riaperto ed è questo che crea problemi? Da domani si rischierà di più con l’abusivismo”, dice Gianni Indino, presidente del Silb Emilia-Romagna. Dal governo, aggiunge, “finora non è arrivato un euro: ora chiederemo compensazioni, anche Iva al 4 per cento e Cig ai nostri lavoratori”.

Leggi anche: 1. Covid, cambiano le regole anti-contagio in Lombardia, Lazio e Campania: tutte le novità / 2. La Sicilia prima in Italia per indice di contagio, Orlando: “Pronti a chiudere” / 3. Covid, quel rapporto che accusava l’Italia fu “fatto sparire” da Ranieri Guerra (Oms)

4. Coronavirus, Italia sotto accusa in un rapporto: “Con un piano anti-pandemie aggiornato 10mila morti in meno” / 5. Non cercate scuse: quest’anno, con l’emergenza Covid, le vacanze andavano fatte in Italia (di S. Lucarelli) / 6. Seconda ondata Coronavirus: il piano ministero-Iss contro l’eventuale aumento dei casi in autunno

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

10k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.