Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Discoteche chiuse, sfogo amaro dello youtuber Er Faina: “Non vi azzardate a riaprire le scuole”

Immagine di copertina

“Finalmente ce l’hanno fatta, hanno trovato i colpevoli. Secondo il governo i colpevoli sono i giovani. Sono sempre i giovani i colpevoli. Avete chiuso le discoteche, ora avete risolto il problema”. Un video di sfogo quello di Er Faina, il noto youtuber romano ed ex concorrente di Temptation Island Vip, che su Instagram lancia il suo anatema sul governo, dopo l’ordinanza che prevede una “chiusura” delle discoteche.

Visualizza questo post su Instagram

“GIÙ LE MANI DAI GIOVANI” Avete chiuso le discoteche? Ora chiudete anche le scuole!CONDIVIDI IL VIDEO, BATTI ER LIKE E COMMENTA! ✋🏻🇮🇹

Un post condiviso da Damiano Er Faina (@damiano_er_faina) in data:

L’ordinanza firmata nella giornata di domenica 16 agosto dal ministro della Salute Roberto Speranza e in vigore a partire da lunedì 17 agosto, infatti, vieta le “attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all’intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico”. L’ordinanza, di fatto, non obbliga le discoteche a chiudere, ma sostanzialmente vieta solo il ballo.

Nel video Er Faina è fuori di sé e lancia dichiarazioni che sui social stanno scatenando una tempesta: “Mo avete chiuso le discoteche, non vi azzardate minimamente a riaprire le scuole, perché so’ come le discoteche. Le metro e gli autobus che prendono i ragazzi sono identici alle discoteche, anzi forse la scuola è pure peggio perché fa vomità. Perché non c’è solo il Coronavirus che gira dentro la scuola, ma pure tutta la mer** che avete fatto negli anni. I topi, la zozzeria, e quel genio del ministro Azzolina pensava de risolverla coi banchi con le rotelle. Le rotelle so quelle che non c’ha più dentro sta ca*** de testa”.

“Me viene il sangue al cervello perché i giovani di oggi so’ stupendi. So’ tutti intelligenti, non c’è uno stupido. Io a 14 anni ero scemo, oggi a 14 anni so intelligentissimi, a 18 so’ fenomeni proprio. E voi li andate a limitare, gli chiudete le discoteche il 16 agosto. Come organizzà il capodanno il 12 gennaio”. “Giù le mani dai giovani – conclude nel video – Non vi azzardate a toccà il futuro de’ sto Paese. Se è rimasta una speranza oggi è grazie a tutti ‘sti pischelli in giro, che non fanno schifo come fate schifo voi”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più