Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, il piano di potenziamento degli ospedali in ritardo di 6 mesi: ecco perché i lavori non sono mai partiti

Immagine di copertina

Covid, il piano per gli ospedali in ritardo di sei mesi: ecco perché i lavori non partono

In vista della seconda ondata di Covid, il governo aveva messo a punto lo scorso maggio un piano di potenziamento degli ospedali: eppure, a distanza di 6 mesi, la procedura è in ritardo e i lavori non sono ancora partiti. Perché? E di chi è la colpa? A fare luce sulla vicenda è stato un articolo de La Stampa a firma di Ilario Lombardo. Secondo quanto ricostruito, l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte nel decreto Rilancio, licenziato a maggio poco dopo la fine del lockdown, aveva previsto il “riordino della rete ospedaliera in relazione all’emergenza Covid-19” anche attraverso “piani di potenziamento e riorganizzazione adottati” dalle Regioni e dalle Province autonome. Tuttavia per più di 4 mesi nulla accade.

Solamente il 1° ottobre, infatti, il commissario straordinario Domenico Arcuri fa pubblicare un bando di gara, in cui si parla di procedura di “massima urgenza”, “per l’affidamento dei lavori, servizi di ingegneria, architettura e altri servizi tecnici, al fine dell’attuazione dei piani della rete ospedaliera nazionale”. Per i lavori, che riguardano le terapie intensive e semi-intensive, l’adeguamento dei Pronto soccorso e la dotazione di mezzi di trasporto, vengono stanziati 713 milioni di euro.

A distanza di quasi 7 mesi dal decreto e a due mesi dal bando, però, i lavori come detto non sono ancora iniziati. Secondo quanto ricostruito, il 12 ottobre scorso sono scaduti i termini per la presentazione delle offerte alla gara avvitata il primo del mese. Su 800 partecipanti, 100, tra imprese e professionisti, si sono aggiudicati il bando. Il 2 novembre sono iniziate le verifiche dei requisiti da parte di Invitalia, azienda del Tesoro guidata sempre da Arcuri, mentre il 7, poi prorogato al 14, è stato il termine ultimo per consegnare la documentazione richiesta, tra cui la fideiussione. Risultato: i contratti siglati sono ancora in sospeso e i lavori bloccati in tutte le strutture designate.

Colpa della burocrazia quindi? Non solo. In molti casi, infatti, i problemi sono derivati dalle amministrazioni locali (le Regioni), che avrebbero dovuto inviare il piano della riorganizzazione ospedaliera ad Arcuri. Ebbene alcuni di questi piani sono stati consegnati a fine luglio su fogli Excel privi di qualsiasi dettaglio sia tecnico che logistico. Quella che doveva essere una procedura d’emergenza, dunque, rischia di diventare un’operazione praticamente inutile. Se anche i lavori dovessero partire nel giro di pochi giorni, infatti, ci vorrebbero almeno 6 mesi per completarli, ovvero quando l’epidemia di Covid potrebbe essere già in ritirata grazie all’arrivo del vaccino.

Leggi anche: 1. Stretta sul Natale: governo verso limiti a spostamenti, no a vacanze sugli sci e veglioni / 2. Bologna, studenti Erasmus organizzano festino in casa: i vicini chiamano la polizia / 3. Beppe Sala attacca Regione Lombardia: “Sulla sanità, è tutto da rifare”

4. Covid, il vaccino Oxford/Astrazeneca ha un’efficacia media del 70% / 5. Vaccino anti-Covid, la lettera di Crisanti: “Ho espresso un concetto di buon senso, contro di me un inferno mediatico senza precedenti” / 6. “In Puglia rischiamo una nuova Bergamo, dovremo scegliere chi intubare”: parla il presidente dei rianimatori

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “Basta dittatura, libertà!”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini
Cronaca / Francia, 160mila in piazza per protestare contro il Green pass
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 luglio 2021