Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 09:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, i consigli di Carlo Signorelli per contrastare la variante inglese: “2 metri di distanza e mascherine chirurgiche per tutti, anche per i bambini”

Immagine di copertina

Covid, l’esperto: “Con variante inglese 2 metri di distanza e mascherine chirurgiche anche ai bambini”

“Distanza di 2 metri e mascherine chirurgiche anche ai bambini”: è la “ricetta” contro la variante inglese del Covid fornita da Carlo Signorelli, professore di Igiene al San Raffaele di Milano.

In un’intervista a La Repubblica, l’esperto fornisce alcune indicazioni utili a contrastare il virus, divenuto ancora più contagioso dopo la mutazione scoperta a settembre nel Kent.

Secondo Signorelli la prima cosa da fare è il “passaggio dalle mascherine di comunità a quelle chirurgiche”. Secondo l’esperto infatti “le prime non hanno alcun tipo di certificazione. Possono avere i livelli di protezione più vari. Le chirurgiche invece hanno standard validati. Almeno sui mezzi pubblici, nei negozi e negli spazi chiusi frequentati mi affiderei a loro. Sono ottimi strumenti di protezione, se ben indossate coprendo anche il naso. Non a caso sono state rese obbligatorie da subito sui voli aerei”.

Molti Paesi, tuttavia, hanno reso obbligatoria la mascherina Ffp2: un’impostazione che Signorelli non condivide. “Sono mascherine professionali pensate per chi lavora accanto a pazienti infetti. Usarle nella vita di tutti i giorni non è necessario”.

Sul distanziamento, poi, l’esperto si dice convinto che “due metri sono meglio di uno. Non è un valore tassativo, anche un metro e mezzo può essere sufficiente. L’ importante è sapere che maggiore è la distanza, minore la quantità di virus con cui potremmo entrare in contatto. Un solo metro, con una variante così contagiosa in giro, rischia di non bastare”.

Per quanto riguarda i più piccoli, secondo Signorelli “Anche i bambini dovrebbero indossare, e correttamente, le mascherine chirurgiche al posto di quelle di comunità, quando sono a scuola e giocano insieme. Le mascherine andrebbero mantenute all’aperto anche come memento che la situazione richiede attenzione. Eviterei giochi di contatto e abbracci, sia fra loro che a maggior ragione con i nonni. È possibile che la scuola abbia dato un contributo all’innesco della seconda ondata e al fatto che la curva non sia mai veramente scesa”.

A casa, dove avvengono molti dei contagi registrati, è importante “non condividere piatti, bicchieri, posate e tanto meno gli spazzolini. Fare attenzione anche alle federe e agli asciugamani usati per il viso. Aprire le finestre il più possibile. Se entra un ospite, tenere sempre le mascherine” così come una regola molta importante è quella di aprire le finestre e arieggiare le stanze: “I rischi di contagio all’ aperto o dove l’aria circola è estremamente più basso, direi ridotto a un decimo”.

Leggi anche: 1. Ipotesi super zona rossa: un lockdown di tre settimane per vaccinare in massa / 2. Perché l’Italia sta andando così a rilento nella campagna vaccini / 3. Dpcm, oggi vertice: Draghi studia nuove strette. Possibili weekend rossi e coprifuoco anticipato

4. Vaccini anche nei piccoli centri: il generale Figliuolo schiera Esercito e Protezione Civile, obiettivo 700mila dosi al giorno. Ecco il piano / 5. Effetto Covid, quasi 750mila morti in Italia nel 2020: mai così tanti dal dopoguerra / 6. “Prima non ci mancava niente, ora con la crisi Covid saltiamo i pasti per pagare le bollette”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto
Cronaca / Parte la marcia per Patrick Zaki: “Draghi si muova e gli conferisca la cittadinanza italiana”
Cronaca / Maratona di Roma 2021: le strade chiuse e deviate per l’evento