Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Prima non ci mancava niente, ora con la crisi Covid saltiamo i pasti per pagare le bollette”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/LUCA ZENNARO

"La bimba ha chiesto perché lavavamo i vestiti nel lavandino: abbiamo risposto che c’erano problemi di acqua nel quartiere": il racconto di una giovane coppia a Repubblica

“Con l’arrivo del primo lockdown, il mondo ci è franato addosso. Una mattina ci siamo svegliati poveri. Il giorno prima, ogni volta che potevamo aiutavamo alcuni amici in difficoltà. Il giorno dopo ci siamo trovati a dover bussare alla porta di una chiesa per dare da mangiare ai nostri figli”. A raccontarlo alla giornalista di Repubblica Viola Giannoli sono Maria Grazia e Francesco, una giovane coppia che vive con i due figli in un appartamento in affitto a Quarto Oggiaro, periferia a nord-ovest di Milano, e che è stata duramente colpita dalla crisi innescata dalla pandemia di Covid 19.

Maria Grazia, 34 anni, lavorava come commessa in un panificio, mentre il compagno Francesco, 40 anni, lavorava come cameriere e da un anno è in cassa integrazione. Come raccontano loro stessi, la loro era una famiglia semplice fino a un anno fa, ma nulla era mai mancato in casa per loro e per i figli. “Con il lockdown siamo precipitati a reddito zero“, racconta la coppia. “Negli anni eravamo riusciti a risparmiare duemila euro. Per tre mesi siamo andati avanti con quelli. Quando i soldi sono finiti, siamo entrati nella parrocchia di San Nazzaro e Celso per far mangiare almeno i bambini”.

Dopo la crisi Covid, Maria Grazia ha iniziato a fare le pulizie e Francesco consegna i pasti a domicilio (“da aprile mi trascino tra il letto e il divano, ucciso dalla vergogna di non avere i soldi per pagare luce e gas”, racconta). Coi lavoretti, riescono a mettere insieme 800 euro al mese. “Tolte tutte le spese, ne restano 8 al giorno per mangiare”, sottolineano.

Ora che in Lombardia si tornerà alla didattica a distanza, la figlia maggiore della coppia, 9 anni, può seguire le lezioni solo attraverso lo smartphone della madre. “Il mio cellulare è l’unico strumento che la tiene in contatto con i compagni”, dice Maria Grazia, “piuttosto di spegnerlo, rinuncio a mangiare“.

“Due mesi fa”, racconta la coppia, “dopo che non riuscivamo a pagare le bollette elettriche, ci hanno abbassato il voltaggio e si riusciva a malapena ad accendere la luce di sera. Stavano per tagliare la corrente, non potevamo più usare la lavatrice. La bimba ha chiesto perché lavavamo i vestiti nel lavandino: abbiamo risposto che c’erano problemi di acqua nel quartiere”.

Secondo l’Istat, nel 2020 sono 335mila le famiglie in più che vivono in povertà assoluta in Italia: un record da 15 anni. Secondo le stime preliminari, nel 2020 le famiglie in povertà assoluta sono state oltre 2 milioni (il 7,7 per cento del totale, da 6,4 per cento del 2019). A Milano, nel 2020 sono cresciute del 121 per cento le richieste alimenti alla Caritas Ambrosiana, che ha fornito aiuti alimentari complessivamente a 10.615 famiglie durante l’anno in cui è scoppiata la crisi Covid.

Leggi anche: 1. Disuguaglianze: ricorderemo il 2020 come uno degli anni peggiori (di Alessandro Sahebi) /2. Covid, il colpo di grazia per il benessere degli italiani: aumentano le disuguaglianze e preoccupa il 2021 /3. Altro che rider più ricchi in tempi di Covid: quanto guadagnano (davvero) i lavoratori del delivery /4. In Italia per la crisi Covid ci sono 5 milioni e mezzo di nuovi poveri

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, Gimbe: contagi aumentati del 55% in una settimana. Cartabellotta: “Rischiamo lockdown di fatto”
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’anidride carbonica non si trova. Sant’Anna blocca la produzione di acqua frizzante
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, Gimbe: contagi aumentati del 55% in una settimana. Cartabellotta: “Rischiamo lockdown di fatto”
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’anidride carbonica non si trova. Sant’Anna blocca la produzione di acqua frizzante
Cronaca / 37enne muore di tumore e lascia un libro per ogni compleanno del figlio: “Crescerà nel ricordo della mamma”
Cronaca / Lecco, toglie “con la forza” smartphone e tablet alla figlia: madre condannata a lavori socialmente utili
Cronaca / Processo a Ciro Gillo, la chat della ragazza con le amiche: “Ero ubriaca, ho fatto un casino”
Cronaca / “Era ubriaca e ha lasciato la porta del bagno socchiusa: un invito a osare”. Assolto in appello 20enne condannato per stupro
Cronaca / Antonella Viola difende i Maneskin: “Ingiusto spostare il concerto, è il governo che deve proteggerci”
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Cronaca / Marmolada, trovati altri corpi: le vittime accertate salgono a 10