Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Coronavirus, Zaia: “Tamponi a tappeto. I veri contagiatori sono i positivi asintomatici”

Il governatore del Veneto ha annunciato che dei camper eseguiranno test sulla popolazione asintomatica

 

Coronavirus, Zaia: “Tamponi a tappeto, i veri contagiatori sono i positivi asintomatici”

“Per assurdo, se fai il test a una intera popolazione, quanto meno hai una istantanea di chi è necessario isolare”. Il governatore del Veneto, il leghista Luca Zaia, insiste sulla linea dei “tamponi a tappeto” per contrastare la diffusione del Coronavirus. In un’intervista di oggi al Corriere della Sera, Zaia conferma la validità del “metodo Veneto” contro l’epidemia di Covid-19 in Italia. “Se la comunità scientifica mi dice che non servono, e io invece sono convinto che siano utili, ebbene, continuo a farli”, dice a proposito dei test. E aggiunge: “Anche se trovo un solo positivo, significa che avrò 10 contagiati in meno”.

Zaia ricorda l’esperimento di Vo’ Euganeo: “Ho deciso il doppio tampone per tutti a distanza di due settimane, mi hanno detto di tutto ma è stato fondamentale”, dice. “Su tremila tamponi, abbiamo trovato un cluster di 66 positivi più altri diciotto che non erano del paese ma avevano avuto contatti con persone infette”. Ed erano “quasi tutti asintomatici”. “Dopo la quarantena ne abbiamo fatto un altro. E siamo rimasti con solo sei positivi”, spiega il governatore del Veneto. “Se non avessimo fatto i tamponi a tutti, a Vo ’ ci sarebbe stata una epidemia”.

Il presidente della Regione è tornato sul punto in un’intervista di stamattina a Radio Anch’io, su Rai Radio1. “Io non sono per l’immunità di gregge. La quarantena funziona perché i veri contagiatori sono i positivi asintomatici”, ha detto, ricordando che l’Oms ieri ha chiesto ai paesi di eseguire test sulla popolazione per isolare i positivi. “Stiamo attrezzando dei camper perché noi vorremmo andare dalla popolazione asintomatica e fare tamponi”, ha annunciato Zaia. In 4/5 ore siamo in grado di avere il risultato di un tampone. Ci vuole creatività. I miei clinici sono eccezionali, mettiamo insieme le forze”.

 

Leggi anche:
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Prefetto di Roma: “Grandissima attenzione su eventi sportivi”
Cronaca / Napoli, sgominato nuovo clan: pizzo anche al Castello delle Cerimonie
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Prefetto di Roma: “Grandissima attenzione su eventi sportivi”
Cronaca / Napoli, sgominato nuovo clan: pizzo anche al Castello delle Cerimonie
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"