Rezza (Iss): “Bisogna fare attenzione, un nuovo lockdown sarebbe disastroso. Il Coronavirus non scomparirà a giugno”

Intervenuto alla trasmissione Agorà, Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, ha commentato l'inizio della Fase 2

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 4 Mag. 2020 alle 20:03 Aggiornato il 4 Mag. 2020 alle 20:07
241
Immagine di copertina

Coronavirus, Rezza (Iss): “Un nuovo lockdown sarebbe disastroso”

“Un nuovo lockdown sarebbe disastroso”: così Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità mette in guardia gli italiani su un possibile aumento dei contagi da Coronavirus che porterebbero inevitabilmente a nuove misure restrittive. Intervenuto alla trasmissione di Raitre Agorà, Rezza ha commentato l’avvio della Fase 2 esortando la popolazione a “mantenere comportanti responsabili”. Secondo Rezza, infatti, “convivere col virus significa anche continuare a combatterlo”. Per l’epidemiologo in questa nuova fase sarà indispensabile “individuare casi, rintracciare contatti, testarli anche da asintomatici”. L’aumento delle terapie intensive, infatti, era “un atto dovuto, ma il fatto di averne di più ora non significa che dobbiamo riempirle. La Germania che ne ha molti più di noi, ma fa in modo che le persone non ci arrivino”.

Come e quando usare le mascherine, il video del Ministero della Salute

Rezza si è detto poi scettico sull’eventualità che il virus sparisca a giugno con l’arrivo del caldo come ipotizzato da alcuni esperti. “Se ci sono colleghi stimati che hanno il dono della preveggenza, benissimo – ha dichiarato Rezza – Se morirà a giugno faremo una grande festa”. “Anche io vorrei che scomparisse – ha proseguito l’epidemiologo – ma non credo questo sogno possa realizzarsi molto presto. Dobbiamo quindi raddoppiare, triplicare gli sforzi per arginarne la diffusione”. Rezzi quindi si è detto preoccupato “perché vediamo che questo virus sta ancora circolando” e ha invitato i cittadini ad “avere comportamenti responsabili”. Sull’ipotesi che l’aria condizionata favorisca la circolazione del Coronavirus, Rezza ha risposto: “È stato ipotizzato che l’aria condizionata possa aerosolizzare il virus e trasmetterlo a distanza ma questo non è assolutamente provato. Al massimo può fare da ‘effetto vento e spingere goccioline di saliva all’interno di un ambiente chiuso'”.

Leggi anche: 1. “Chiudere solo Codogno non è stato sufficiente, eravamo tutti concentrati su quello, ma i buoi erano già scappati dal recinto”: parla Rezza (ISS) / 2. L’Istat rivela: “11 mila morti in più collegabili al Coronavirus”. Raddoppiata la mortalità rispetto al 2019: a Bergamo registrato il +568% di decessi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

241
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.