Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Coronavirus, il significato e le differenze tra pandemia, epidemia ed endemia

Di Marco Nepi
Pubblicato il 25 Feb. 2020 alle 12:55 Aggiornato il 11 Mar. 2020 alle 19:30
165
Immagine di copertina

Coronavirus, il significato e le differenze tra pandemia, epidemia ed endemia

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato che il Coronavirus è una “pandemia”. Ad annunciarlo è stato oggi, 11 marzo, il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Ma cosa vuol dire pandemia? E quali sono le caratteristiche che la distingono da epidemia ed endemia?

Coronavirus, cos’è e cosa significa pandemia

Derivante dal greco “pan-demos”, che letteralmente significa “tutto il popolo”, la pandemia è dunque una epidemia arrivata al suo “ultimo stadio”. Quando una malattia, dunque, si diffonde in modo molto rapido e in interi paesi o continenti, diventa una pandemia.

Non solo, perché l’Oms indica sei step che fanno diventare un’epidemia una pandemia e, in primis, un agente patogeno per divenire pandemico deve vedere la presenza di focolai di infezione in due o più Paesi da quello da cui essa è partita.

Cos’è e cosa significa epidemia

Secondo l’Istituto superiore di sanità (Iss) un’epidemia si verifica quando “un soggetto ammalato contagia più di una persona e il numero dei casi di malattia aumenta rapidamente in breve tempo”. E, perché possa verificarsi un contagio consistente in un breve periodo di tempo, la popolazione deve essere costituita da soggetti suscettibili all’infezione che, ammalandosi, portano a “un aumento del numero dei casi oltre l’atteso in una particolare area e in uno specifico intervallo temporale”.

Cos’è e cosa significa endemia

Infine è opportuno specificare anche il significato del termine “endemia” e distinguerlo dagli altri due termini sopra riportati. Si definisce endemia la “costante permanenza, in un determinato terrritorio, di una malattia che tende a presentarsi sporadicamente o a piccoli focolai e con una incidenza relativamente uniforme”.

Una endemia, quindi, va a classificarsi come un manifestarsi di certe malattie in modo continuo o attraverso l’alternarsi di aumenti e diminuzioni nel numero di casi osservati. Sono endemiche, ad esempio, malattie come il tifo, la rosolia o la scarlattina. Peraltro il concetto di endemia non è legato a quello di malattia infettiva: una malattia endemica, quindi, può non essere contagiosa ma presentarsi in certe regioni per via, ad esempio, di fattori ambientali stabili.

Leggi anche:

Lo studio scientifico che aveva previsto il coronavirus un anno fa: “Partirà dalla Cina, dobbiamo prevenirlo”

TPI REPORTAGE da Codogno, il paese fantasma con l’incubo del contagio da Coronavirus (di Giulio Cavalli)

“I miei colleghi spargevano il sale al mio passaggio”: il caso dei giornalisti in quarantena per il Coronavirus (di Selvaggia Lucarelli)

Ecco due cose che abbiamo capito del virus: parla Italiano e viaggia in business Class, non si annida in Africa ma nel profondo nord (di Luca Telese)

Coronavirus, l’infermiera entrata in contatto con il paziente 1 ha violato la quarantena (di Franco Bagnasco)

Sul Coronavirus va in scena il primo duello tv tra i due futuri candidati premier: Conte e Salvini

Coronavirus in Italia, Burioni a TPI: “Chi è tornato dalla Cina senza sintomi doveva essere isolato. Ora niente panico: quarantena per tutti i possibili infetti”

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: segui tutti gli aggiornamenti in diretta su TPI

165
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.