Così il coronavirus entra dagli occhi: scoperte le cellule che favoriscono l’infezione

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 14 Mag. 2020 alle 14:07
361
Immagine di copertina
Congiuntivite Credits: ANSA

Coronavirus dagli occhi: l’allarme degli scienziati

Il Coronavirus potrebbe contagiare attraverso gli occhi. Nelle cornee si trova infatti un gruppo di cellule che può favorire l’accesso al SARS-CoV-2 nel nostro organismo, determinando la potenziale infezione. In queste cellule è stata rilevata una elevata concentrazione dell’enzima 2 di conversione dell’angiotensina o ACE2, il recettore che il patogeno sfrutta per scardinare la parete cellulare, riversarsi all’interno, avviare il processo di replicazione e dunque scatenare la malattia. Il meccanismo è reso possibile dalla Proteina S o Spike del Coronavirus, l’insieme di “spicole” che emerge dal pericapside (la copertura esterna) come piccoli ombrellini, che donano la caratteristica forma a corona quando questi patogeni sono osservati al microscopio elettronico. In parole semplici, il SARS-CoV-2 usa questa proteina come un piede di porco, avvalendosi del recettore ACE2 per fare leva.

La ricerca alla base di questa scoperta è molto autorevole: si tratta di un report di un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dello STAR Institute of Molecular and Cell Biology di Singapore, che hanno collaborato con i colleghi del Dipartimento di Farmacologia Molecolare e Terapie Sperimentali della Mayo Clinic (Stati Uniti), della Icahn School of Medicine a Mount Sinai di New York e dell’Università Nazionale di Singapore. Gli scienziati, coordinati dal professor Yuin Han Loh sono giunti alle loro conclusioni dopo aver analizzato approfonditamente 33 tipi di cellule presenti nell’occhio umano, andando a caccia di recettori ed enzimi coinvolti nel meccanismo infettivo del SARS-CoV-2.

Dalle analisi è emerso che le cellule con la maggior espressione di ACE2 si trovano nella cornea e nella congiuntiva. Quelle congiuntivali presentano anche un’elevata espressione dell’enzima TMPRSS2, una proteasi serinica della superficie cellulare umana che gioca anch’essa un ruolo importante nella COVID-19. Quando infatti la Proteina S del Coronvirus inizia ad aggredire le cellule umane, si suddivide in due componenti (S1 ed S2) grazie al supporto di un’altra proteasi, probabilmente la Furina. S1 si lega direttamente al recettore ACE2, mentre S2 al TMPRSS2. A causa di queste caratteristiche, Yuin Han Loh e colleghi ritengono che le cellule oculari abbiano un ruolo significativo nell’infezione. Pur restando le vie respiratorie la porta d’accesso privilegiata dal Coronavirus, attraverso le particelle virali presenti nelle goccioline espulse, per molti scienziati le mucose degli occhi non devono essere sottovalutate. I dettagli della ricerca cinese sono stati resi disponibili sul database online MedrXiv ma devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria, prima della pubblicazione su una rivista scientifica.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Leggi anche: 1. Il video con la folla ai Navigli è falsato. Ecco la verità nel filmato di un residente  / 2. Esclusivo TPI – Com’è andato davvero il turbolento Consiglio regionale della Lombardia che non ha sfiduciato Gallera: il verbale  / 3. “In Lombardia si rischia ancora di morire come mosche. Per la sanità occorre un commissario, ecco chi”: la proposta di Milano 2030

4. Massimo Galli a TPI: “La notte del paziente 1 ho sbagliato anche io” / 5. Bar, ristoranti, parrucchieri, negozi e palestre: le regole per la riapertura / 6. Coronavirus, l’intervista al direttore dello Spallanzani Francesco Vaia | VIDEO

7. “È un’influenza, è colpa del 5G”: tutte le bufale dei complottisti sul Coronavirus, smontate una per una / 8. Gli amori separati dalla frontiera Svizzera-Italia: divisi da una manciata di chilometri e dal dpcm / 9. Svezia, nell’unico Paese europeo senza lockdown ora è boom di morti: “Siamo sorpresi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

361
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.