Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Coronavirus, l’intervista al direttore dello Spallanzani Francesco Vaia | VIDEO

 

Coronavirus, l’intervista al direttore dello Spallanzani Francesco Vaia | VIDEO

Il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, è stato intervistato dal giornalista Paolo Notari. Classe 1981, dopo essersi laureato in Medicina e Chirurgia all’Università Federico II di Napoli, Vaia ha svolto tantissime attività, ma in quest’intervista, prima di affrontare il tema Coronaviru, parla anche della sua vita privata, fatta di hobby, di sport (tifoso del Napoli) e di famiglia. “Io sono direttore dal primo gennaio 2020, qualche giorno prima che accadesse tutto. Tutto è cominciato da qui, ma voglio fare un passo indietro”. E così, il direttore dello Spallanzani racconta della sua gioventù e di quando conobbe un grande infettivologo. “Da giovane, ho avuto questa fortuna (o disgrazia, dipende dai punti di vista) di cominciare da subito a espletare il mio servizio. Ero direttore generale a Napoli, dirigevo una grande azienda che inglobava tre grandi ospedali: uno psichiatrico, uno che curava malattie respiratorie (il Monaldi) e il Cotugno (ospedale di malattie infettive) e lì ho avuto la fortuna di conoscere un altro grande infettivologo, Albert Bruce Sabin, il padre del vaccino contro la poliomielite”.

Poi si passa al Coronavirus: parlando di numeri allo Spallanzani durante l’emergenza Coronavirus, Vaia precisa: “Adesso mi trovo qui a gestire un altro grande ospedale. Eravamo da 155 posti letti, li abbiamo triplicati. Il numero più importante che io cito con orgoglio è che abbiamo 0 infetti nel personale d’assistenza”. Poi, specifica: “Le regole di buon senso non servono soltanto per il Coronavirus, ma per sempre”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, la coppia di cinesi guarita allo Spallanzani: “I medici italiani ci hanno salvato la vita”/ 2. Il Direttore scientifico dello Spallanzani a TPI: “I test sierologici non sono la soluzione”

Ti potrebbe interessare
Salute / AXA Assicurazioni: il sistema in-house Health Claims Instant Payment vince Italy Insurance Awards 2022
Salute / Influenza australiana, è boom di casi: ecco quali sono i sintomi e le cure
Salute / Multe ai no vax over 50, Schillaci: “Riscuoterle potrebbe costare di più di quello che poi ne potrebbe derivare”
Ti potrebbe interessare
Salute / AXA Assicurazioni: il sistema in-house Health Claims Instant Payment vince Italy Insurance Awards 2022
Salute / Influenza australiana, è boom di casi: ecco quali sono i sintomi e le cure
Salute / Multe ai no vax over 50, Schillaci: “Riscuoterle potrebbe costare di più di quello che poi ne potrebbe derivare”
Salute / Infanzia bruciata: una rete “a maglie strette” per contrastare gli abusi e il disagio
Salute / Trucchi antietà: scopri la corretta skincare routine quotidiana
Salute / Quarantena per gli asintomatici, Schillaci: “Dopo 5 giorni potranno tornare a lavoro”
Salute / Tutte le differenze tra dispositivo medico e medicinale
Salute / Una donna è sopravvissuta a 12 tumori: è il primo caso al mondo
Salute / Capelli: ecco come prendersene cura
Salute / Meloni voleva reintegrare i medici no vax per problemi di organico, ma gli interessati sono meno di 2mila