Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

A Napoli lungomare bloccato fino alle 4: “Notte di follia”

Di Antonio Scali
Pubblicato il 24 Mag. 2020 alle 12:39
439
Immagine di copertina
Credit: Facebook / Cittadinanza attiva in difesa di Napoli

A Napoli lungomare bloccato fino alle 4: “Notte di follia”

Un sabato di straordinaria follia quello che si è registrato ieri, 23 maggio 2020, a Napoli. Il primo weekend dopo la fine del lockdown ha visto in molte città, come Milano, Brescia e Verona, la ripartenza della movida, con tanti giovani in piazza, spesso anche senza mascherine. Un ritorno alla normalità a dir poco prematuro, visto che il virus circola ancora e causa ogni giorno parecchi morti. A Napoli ieri è stato preso d’assalto il lungomare, tra assembramenti, schiamazzi e addirittura risse.

Rissa in piazza a Perugia, il sindaco costretto a chiudere i bar dalle 21 di sabato

“Una follia collettiva”, raccontano i residenti e le persone che hanno visto con i loro occhi quanto stava avvenendo nella città campana. Migliaia di persone, anche senza mascherina, si sono riversati in strada, a piedi o con le auto, con i marciapiedi utilizzati come corsie preferenziali da auto e moto, nonostante i locali della movida abbiano rispettato il limite della chiusura alle 23.

Ancora questa mattina su via Caracciolo erano ben visibili bottiglie e rifiuti di ogni genere. “Tra clacson e schiamazzi non è stato possibile dormire – spiega un residente che ha l’abitazione di fronte al porticciolo di Mergellina – C’erano assembramenti di giovani, la gente sembrava impazzita dopo due mesi di lockdown. Mergellina era completamente paralizzata: via Caracciolo, piazza Sannazaro, piazzetta del Leone. La situazione si è normalizzata solo dopo le 4. È stato un inferno”.

napoli lungomare

Una movida che è proseguita per tutta la notte, nonostante i bar fossero chiusi. Due agenti della polizia municipale di Napoli, inoltre, sono stati anche aggrediti mentre erano impegnati in controlli a via Aniello Falcone, strada panoramica del quartiere Vomero molto frequentata dai giovani. Un ragazzo ha reagito alla richiesta di documenti da parte dei due agenti, colpendoli con calci e pugni. Il giovane è stato identificato e denunciato, mentre i due agenti sono stati refertati con prognosi di sette giorni.

Il comandante della Polizia municipale di Napoli Ciro Esposito ha commentato così la folle notte sul lungomare: “È stata una follia collettiva, qui a Napoli come in moltissime città di Italia. Per tutta la giornata abbiamo pattugliato le strade, iniziando la mattina presto con il servizio di accesso alla balneazione. Quindi con i controlli anti-assembramento e per il rispetto delle disposizioni su mascherine e distanziamento sociale. Ovviamente non abbiamo gli uomini e i mezzi per militarizzare le strade alle 4 del mattino. Quello che è avvenuto a Napoli è accaduto anche in tante altre città. Ci dovrebbe essere più senso di responsabilità da parte delle famiglie”.

Leggi anche: 1.  A Verona riparte la movida, il sindaco: “Sono incazzato, divieto di bere all’aperto” / 2. Rissa in piazza a Perugia, il sindaco costretto a chiudere i bar dalle 21 di sabato | VIDEO / 3. Aperitivi e piazze affollate, movida senza mascherina. I sindaci minacciano multe e chiusure

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

439
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.