Coronavirus in Italia, il bollettino: 239 nuovi casi e 8 morti. Fase 3: con nuovo dpcm prevista proroga obbligo mascherine

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 2 Ago. 2020 alle 07:29 Aggiornato il 2 Ago. 2020 alle 20:01
7
Immagine di copertina
Credit: ANSA/ MOURAD BALTI TOUATI

Coronavirus in Italia, le ultime notizie di oggi

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – La pandemia di Coronavirus in Italia ha contagiato finora 248.070 persone, provocando 35.154 morti. Qui le ultime notizie sul Covid-19 nel mondo. Di seguito le ultime notizie dall’Italia sul Coronavirus di oggi, domenica 2 agosto 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 20 – Fase 3: con nuovo dpcm prevista proroga obbligo mascherine. La settimana scorsa con un decreto il governo ha prorogato lo stato di emergenza, nei prossimi giorni – non è stata fissata ancora la data, secondo quanto riporta Agi – arriverà anche il Dpcm che prorogherà le misure di contenimento contro il contagio. E quindi dovrebbe essere prorogato, secondo quanto si apprende, anche l’obbligo delle mascherine nei luoghi accessibili al pubblico. Al momento con l’ordinanza firmata ieri dal ministro Speranza c’è l’obbligo di utilizzare i dispositivi di protezione fino al 15 agosto.

Ore 17,55 – Coronavirus, vittime delle ultime 24 ore sono tutte lombarde. Le 8 vittime di Covid registrate oggi in Italia sono tutte lombarde. Stando alle tabelle diffuse dal Ministero della Salute, infatti, il numero di decessi è variato soltanto nella regione Lombardia, passando da 16.807 a 16.815. Le altre regioni italiane oggi non registrano nuove vittime.

Ore 17,23 – Il bollettino della protezione civile: 239 nuovi casi e 8 morti. Le persone attualmente positive al Coronavirus in Italia sono 12.456 (-1 rispetto ieri). Nelle ultime 24 ore si sono registrati 239 nuovi casi, portando così il totale dei contagi da inizio pandemia a quota 248.070. Tra ieri e oggi si segnalano 8 morti: il totale delle vittime in Italia sale quindi a 35.154. I guariti sono 200.460 (+ 231 rispetto a ieri). Lo riporta il bollettino di oggi della protezione civile. Qui il bollettino completo.

Ore 16,35 – Zingaretti,”no” a mascherine mette a rischio vite. “Chi per raccattare consenso dice agli italiani di togliersi la mascherina si augura che riesploda la pandemia. Per 4 voti non gli interessa di mettere a rischio la vita delle persone che rischiano di ammalarsi e morire, come sta accadendo in tutti i Paesi dove si è abbassata la guardia”. Lo scrive sul proprio profilo Facebook il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che aggiunge: “Difendiamo le famiglie, gli imprenditori e i lavoratori che non possono fermarsi di nuovo per colpa degli irresponsabili. Si può fare in piena sicurezza. Difendiamo gli operatori della sanità che anche in queste ore guardano sconcertati quanto sta avvenendo. Difendiamo l’Italia”.

Ore 15,58 – Civitavecchia, tre marittimi positivi su navi Costa, stanno bene. Positivi al Coronavirus tre marittimi imbarcati sulle navi Delizosa e Favolosa di Costa Crociere, ormeggiate nel porto di Civitavecchia. La compagnia ha fatto sapere che “grazie alla costante applicazione dei protocolli sanitari per l’imbarco e l’impiego a bordo dei suoi membri dell’equipaggio” sono stati individuati tre casi positivi al tampone. Al momento, scrive la compagnia “i tre sono in isolamento e in buone condizioni di salute”. Costa Crociere, rimanendo in stretto contatto con le Autorità sanitarie competenti, “segue attentamente l’evolversi della questione e, di comune accordo con quest’ultime, valuterà ulteriori azioni da intraprendere nei prossimi giorni”.

Ore 15 – Migranti: 18 in quarantena fuggono da centro accoglienza Latina. Diciotto dei 155 migranti arrivati qualche giorno fa a Latina e provenienti da Lampedusa sono fuggiti dal comune di Cori, sui Lepini in provincia di Latina, dove erano ospitati per osservare la quarantena. Gli stranieri hanno abbandonato la struttura di accoglienza e si sono allontanati: l’isolamento si era reso necessario dopo che 12 migranti dello stesso gruppo erano risultati positivi al Coronavirus. Sette di loro sono stati comunque rintracciati dalla polizia nelle campagne circostanti mentre per gli altri sono state diffuse alcune foto anche alla Polfer della stazione Termini. Ulteriori controlli anche sui treni per i quali è stato anche previsto un rallentamento proprio per favorire le verifiche, altri sette sarebbero stati rintracciati proprio nella zona della stazione ferroviaria di Cisterna di Latina.

Ore 14,45 – Treni: Italo, cancellati 8 treni e biglietti 8.000 passeggeri. Per “ottemperare a quanto previsto dall’ordinanza emessa improvvisamente ieri dal Ministro della Salute che reintroduce, con decorrenza immediata, l’obbligo di distanziamento nei treni ad Alta velocità”, Italo “è stata costretta, suo malgrado, a cancellare 8 treni della mattina e numerosi biglietti per i treni del pomeriggio, arrivando a coinvolgere circa 8.000 passeggeri che non hanno potuto fruire del biglietto già acquistato”. E’ quanto si legge in una nota della compagnia. I treni cancellati sono il Torino-Salerno delle 7:33 e delle 9:33, il Milano-Napoli delle 09:15, il Torino-Reggio Calabria delle 5:23 e delle 13:23, l’Ancona-Milano delle 13:40 e il Milano-Ancona delle 8:45 e delle 11:40. Italo, conclude la nota, “si è già attivata per rimborsare i passeggeri nel più breve tempo possibile e sta lavorando per ridurre al minimo eventuali disagi per i prossimi giorni confidando nella comprensione dei suoi clienti”.

Ore 14,30 – Andrea Crisanti: “Vaccino affidabile non prima di 5 anni”. “Il vaccino è qualcosa di molto complesso e ha dei tempi incomprimibili. Innanzitutto viene somministrato a persone che stanno bene, quindi non deve dare nessun effetto collaterale, al contrario di quanto può avvenire con le medicine. Per essere sicuri che un vaccino non abbia effetti collaterali bisogna testare 20-30mila persone. Dopodiché bisogna dimostrare che queste persone hanno anticorpi, che questi anticorpi sono neutralizzanti e poi che queste persone hanno meno probabilità di infettarsi rispetto alle altre. Questi esperimenti coinvolgono almeno 150mila persone, costano circa 100 milioni e in genere ci vogliono 5 anni”. Così Andrea Crisanti (Professore ordinario di Microbiologia dell’Università di Padova) al TPI Fest! nel corso del dibattito sull’epidemia di Coronavirus in Italia tra scienza e propaganda: “Fine emergenza mai”. Qui il video

Ore 12.30 – Roma: 2 casi positivi, disposta la chiusura di un centro estivo – “La Asl Roma 2 ha disposto la chiusura temporanea del centro estivo Monkey Village: 2 i casi positivi collegati al cluster. Sono state testate 33 persone tra operatori, ragazzi e genitori. Il centro non fa attività dal 29 luglio”. Lo comunica l’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

Ore 11.20 –  Focolaio a Cerignola (Foggia): 11 positivi e decine di persone in quarantena dopo una festa – Nuovo focolaio di Coronavirus in Italia, a Cerignola, in provincia di Foggia. Undici persone sono risultate positive per effetto di due diversi cluster che si sono sviluppati nel paese. A quanto si apprende il contagio sarebbe partito da una coppia che aveva partecipato alla festa di compleanno della figlie 18enne. Al momento a Cerignola ci sono centinaia di persone sottoposte a test e decine in quarantena. Si attende l’esito dei tamponi per capire l’entità del focolaio, al momento abbastanza contenuto ma comunque preoccupante.

Ore 09.20 – Treni, Liguria e Lombardia contro il governo: sì all’utilizzo di tutti i posti – Dalle regioni Lombardia e Liguria sono arrivate di distanza dall’ordinanza del governo che ha ripristinato l’obbligo di distanziamento dei posti alternati sui treni ad Alta velocità, con la conferma delle loro ordinanze che permettono di utilizzare tutti i posti a sedere nel trasporto pubblico locale. In Lombardia si potranno continuare ad utilizzare il 100% dei posti a sedere e il 50% di quelli in piedi sui mezzi pubblici, almeno per il momento, ha fatto sapere il Pirellone che proprio nelle stesse ore aveva fatto una propria ordinanza.

Nell’ottica di “valutare in maniera specifica e puntuale i contenuti di quanto previsto dalla nuova disposizione ministeriale e nell’ottica di un proficuo confronto da avviare in tempi rapidissimi con il Governo e con la Conferenza delle Regioni”, viene spiegato in una nota,”la Regione Lombardia conferma la propria ordinanza”. Analoga presa di posizione è arrivata dalla Liguria che ha confermato la propria ordinanza in materia di trasporto pubblico locale che consente un maggior numero di passeggeri sui mezzi. “Restiamo stupiti da questo provvedimento del Governo, diramato nel bel mezzo di un weekend di estate, quando molte persone sono già partite e dovranno tornare a casa”, ha lamentato il governatore, Giovanni Toti. “Tutto ciò aumenta solo la confusione, specie in Liguria dove i treni e i mezzi pubblici in generale sono indispensabili visto che da ormai due mesi il Governo ha deciso, senza alcuna spiegazione, di inchiodare le autostrade con un piano scellerato di cantieri che sta mettendo in ginocchio la nostra mobilità”, ha aggiunto Toti. “Anche in questo caso da Roma non hanno consultato nessuno. Alle Regioni, che hanno competenza sui trasporti locali, neppure un preavviso”.

Ore 07.00 – Salvini: “Il popolo è sotto sequestro. Ora basta” – “Il virus c’è stato ed è stato bastardo e devastante” ma, ha detto Matteo Salvini alla Festa della Lega a Cervia, nel Ravennate, “smettiamola di terrorizzare gli italiani col bollettino dei morti, smettiamola di tenere sotto sequestro un popolo intero”. “Mi viene da pensare che a qualcuno questa perenne emergenza convenga economicamente e politicamente. Dire che c’è l’emergenza quando non c’è significa insultare la memoria dei 35 mila morti che non ci sono più. Per rispetto di quei morti guardiamo avanti e lasciamo l’Italia libera di tornare a sognare”, ha aggiunto il leader della Lega.

“Viva la Romagna, viva la gente che mantiene le distanze e che mette le mascherine, ma nessuno terrorizzi il popolo italiano perché abbiamo il diritto di vivere e di passeggiare”, ha continuato Salvini. “Il coronavirus è scoppiato a casa mia e nella mia terra, e chiedo di smettere di rompere le palle alla Lombardia e ai lombardi. I nostri medici e i nostri cittadini hanno fatto i miracoli ma alzi la mano chi ritiene che oggi siamo in emergenza. Siamo tutti negazionisti?”.

CORONAVIRUS ITALIA – COSA È SUCCESSO IERI

La Lombardia non segue il Governo, sui mezzi pubblici conferma propria ordinanza – In Lombardia si potranno continuare ad utilizzare il 100% dei posti a sedere e il 50% di quelli in piedi sui mezzi pubblici, almeno per il momento. La Regione, che su questo ha firmato proprio ieri un’ordinanza, ha spiegato in una nota che nell’ottica di “valutare in maniera specifica e puntuale i contenuti di quanto previsto dalla nuova disposizione ministeriale e nell’ottica di un proficuo confronto da avviare in tempi rapidissimi con il Governo e con la Conferenza delle Regioni, conferma la propria ordinanza.

Ventotto migranti in fuga da Ragusa, carabiniere ferito – Ventotto migranti sono fuggiti dal centro di contrada Cifali dove erano stati trasferiti in 117, tra i quali 6 positivi al Covid-19. Un carabiniere nel tentativo di arginare la fuga è rimasto ferito con diversi giorni di prognosi. Lo ha riferito l’assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza che in questi minuti è proprio al centro che si trova tra Ragusa e Comiso. Razza lamenta la mancanza di programmazione del Governo nazionale. “Abbiamo alzato l’asticella –  ha dichiarato – stiamo accendendo i riflettori su questa vicenda e lo stiamo facendo perché il sistema sanitario regionale e lo dico a tutti gli esponenti politici anche a quelli di Pd e 5stelle che sta effettuando scelte in questi giorni – ha detto testualmente – si sta levando la vita, medici infermieri, il personale delle Usca, laboratori analisi, pretendiamo rispetto e adesione ai protocolli sanitari”. L’assessore ha poi ricordato che il centro Don Pietro è una struttura della Regione, nata come centro di ricerca nel settore agricolo. “Vogliamo che torni ad essere una struttura di ricerca come immaginata, realizzata e progettata”.

Treni, Speranza firma ordinanza sull’obbligo di distanziamento  “È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Per questo ho firmato una nuova ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine”. Lo annuncia il ministro della Salute Roberto Speranza. “Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus”, sottolinea. Qui l’articolo 

Rinviata la riapertura delle discoteche: “Troppi rischi da feste e locali” – Il governo frena sulle riaperture delle discoteche, delle sagre e delle fiere in seguito all’aumento dei nuovi casi di Coronavirus. L’obiettivo è evitare quanto sta avvenendo in Spagna, dove i focolai più significativi si sono sviluppati nei locali notturni. Resta così in vigore per altri 10 giorni il Dpcm del 14 luglio (in scadenza oggi) che reitera alcune regole come l’obbligo della mascherina nei luoghi pubblici chiusi e il divieto di assembramenti.

Leggi anche: 1. Documenti del CTS, il governo non vuole renderli pubblici e fa ricorso contro il Tar. TPI chiede di vederli da mesi / 2. Altro che patentino no-Covid, vi racconto il mio arrivo in Sardegna senza alcun controllo / 3. Coronavirus, nuove linee guida per la ripartenza: ok a discoteche, eventi e fiere

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

7
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.